Chi è Andrew Tate, l’ex kickboxer che è stato arrestato: dalla lite con Greta Thunberg al carcere

Andrew Tate è l'ex kickboxer dalla vita turbolenta arrestato. Nei giorni scorsi ha avuto una discussione sui social con Greta Thunberg.

Andrew Tate è l’ex kickboxer che nelle ultime ore è stato arrestato insieme al fratello. Negli ultimi giorni è finito al centro di polemiche per aver avuto una discussione a distanza sui social con l’attivista Greta Thunberg.

Chi è Andrew Tate, l’ex kickboxer

Andrew Tate ha 35 anni ed è un ex campione di kickboxer. Tate è nato negli Stati Uniti da madre inglese. La sua vita, anche professionale, è sempre stata turbolenta. Nel 2016 è stato cacciato dal Grande fratello per un video in cui frustava una donna.  Nel 2017 si è trasferito in Romania perché la polizia britannica indagava per presunti abusi su una donna. Prima di essere arrestato si mostrava come un guru che insegna come accumulare soldi e collezionare donne all’Hustler’s University. Nelle ultime ore è stato arrestato insieme al fratello. I due sono accusati di aver costretto diverse donne a realizzare video porno da vendere online.

Dalla lite con Greta Thunberg al carcere

L’ex kickboxer si era reso protagonista nei giorni scorsi per una lite a distanza sui social con l’attivista Greta Thunberg. “Hello Greta Thunberg” le aveva scritto via Twitter. “Ho 33 auto. La  mia Bugatti ha un motore di 8 litri. Le mie due Ferrari 812 da competizione hanno 6,5 litri. Ed è solo l’inizio. Per favore mandami la  tua email così potrò inviarti la lista completa della mia collezione di macchine e le loro immense potenzialità di emissioni”.

“Si grazie per favore illuminami” aveva risposto l’attivista. Aggiungendo una mail decisamente fasulla ma dal significato inequivocabile: [email protected] che tradotto dall’inglese significa più o meno “energia di chi ce lo ha piccolo” e “fatti una vita”. L’ultima risposta è arriva poche ore fa da Greta, in seguito all’arresto di Tate.

 

LEGGI ANCHE: Variante Gryphon in Italia: la circolare dell’Iss ed i sintomi della nuova variante pericolosa