Biden a Putin: “È un criminale di guerra”. Il Cremlino: “È inaccettabile”

Biden contro Putin: botta e risposta tra Stati Uniti e Russia sul conflitto. Ancora una volta il presidente USA va contro il presidente russo

Biden contro Putin: botta e risposta tra Stati Uniti e Russia ancora una volta. Il presidente USA si è fatto scappare una battuta contro il presidente russo a termine di una conferenza stampa. Pronta la risposta del Cremlino.

Biden a Putin: “È un criminale di guerra”

“Vladimir Putin è un criminale di guerra”: Joe Biden a seguito di una conferenza stampa ha fatto un commento molto diretto contro il presidente russo Vladimir Putin.

“Putin sta infliggendo devastazione e orrore, bombardando appartamenti e reparti di maternità”, ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, commentando anche le notizie sulle forze russe “che hanno preso in ostaggio centinaia fra medici e pazienti” a Mariupol. “Queste sono atrocità, un oltraggio per il mondo”.

Inoltre, dagli Stati Uniti sono stati aggiunti duecento milioni di dollari in aiuto dell’Ucraina che sommati agli altri 800 milioni già stanziati, portano a “un miliardo di dollari di aiuti” all’Ucraina.

Biden ha spiegato che i fondi stanziati corrispondono ad “un trasferimento diretto di equipaggiamento dal nostro dipartimento  di Difesa all’esercito ucraino per aiutarlo a combattere contro  l’invasione”. 

Il Cremlino: “È inaccettabile”

La risposta è arrivata immediatamente dal Cremlino. “Le parole di Biden su Putin sono inaccettabili ed imperdonabili”, ha affermato il portavoce Dmitry Peskov. “Riteniamo inaccettabile e imperdonabile tale retorica da parte di un capo di Stato le cui bombe hanno ucciso centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo”, ha aggiunto Peskov.

LEGGI ANCHE: Alex Konanykhin, chi è l’uomo che ha messo una “taglia” su Putin