Economy C'è chi non vede l'ora di tornare in ufficio (e le aziende...

C’è chi non vede l’ora di tornare in ufficio (e le aziende lo sanno)

Fermi tutti, contrordine. Dopo un anno passato a immaginare un futuro di post-lavoro, south working e città desertificate dal lavoro remoto, arrivano i primi segnali in controtendenza. La notizia della morte degli uffici sarebbe stata grossolanamente esagerata, per omaggiare Mark Twain.

A sostenerlo è un sondaggio molto discusso che è stato fatto tra alcuni clienti di prestigio della Kpmg, gigante anglo-olandese e uno dei “Big Four” dei servizi alle imprese. Secondo questa ricerca le aziende non avrebbero più intenzione di abbandonare le proprie sedi, e nemmeno di cambiarle in favore di spazi più piccoli, pensati per il lavoro remoto o ibrido. Gli ultimi mesi hanno avuto un impatto notevole sulle posizioni dei partecipanti: lo scorso agosto il 69% dei chief executive che lavorano con Kpmg pensavano di “tagliare” i costi degli uffici; oggi solo il 17% si prepara a farlo.

Secondo Reuters, “i tagli o sono già stati fatti o sono stati cambiati a causa dell’impatto che il lavoro remoto non pianificato ed esteso ha avuto nei dipendenti”. Insomma, la pandemia ha offerto la peggiore pubblicità possibile allo smart working, che in realtà dovrebbe essere ben altro. Non qualcosa di imposto ed emergenziale.

Opinioni che non significano che la normalità è dietro l’angolo o che il mondo post-pandemia non sarà diverso. Ma forse confermano quanto le persone abbiano sofferto il remoto working pandemico e che, una volta vaccinati, molti siano pronti a tornare in ufficio. Sì, ma quando? Quasi la metà degli intervistati (45%) si aspetta il ritorno alla normalità per il 2022. Nel frattempo, vaccini, vaccini, vaccini – e un invito ai governi affinché spingano aziende e lavoratori a tornare al lavoro. O meglio, in ufficio.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita

Nei CdA italiani le donne sono il 38%

In Italia 46 donne Ceo. Nel nel settore sanitario sono il 70% della forza lavoro ma solo il 25% in posizioni di leadership. Ma le leggi funzionano: Quando Lella Golfo ha presentato la legge nel 2011, c'erano solo 170 donne nei Consigli di Amministrazione italiani, contro più di 2.700 uomini, un livello del 6%. Oggi siamo al 38%