Economy Nella settimana delle proteste #IoApro, il dramma dei ristoratori in cifre

Nella settimana delle proteste #IoApro, il dramma dei ristoratori in cifre

Abbiamo visto tutti le proteste, le grida, le occasionali pagliacciate più estremiste. La settimana scorsa è stata dominata dalle proteste di #IoApro, hashtag dietro al quale si nasconde la rabbia e frustrazione di lavoratori e imprenditori della ristorazione. Al di là delle tentate manipolazioni politiche, una protesta condivisibile e giustificata dalla giungla di divieti, chiusure e provvedimenti anti-Covid.

La situazione in Italia

A confermare l’impatto avuto dagli eventi dell’ultimo anno sul settore è arrivato anche il report di The Fork (pdf), leader nella prenotazione online di ristoranti presente in 22 paesi, proprietà di TripAdvisor. Grazie ai suoi 80 mila ristoranti affiliati, il portale ha potuto registrare la fluttuazione tra la prima ondata, il (parziale) recupero estivo e gli ultimi mesi. Tra le aree più colpite, quelle metropolitane, a cui è mancato il turismo ma soprattutto l’affluso di lavoratori e lavoratori a causa dello smart working. Meglio nelle aree più turisticizzate: “nelle province di Ancona, Livorno e Siracusa e nella città metropolitana di Napoli”, si legge nel report, “nei mesi estivi è riscontrabile una crescita percentuale dei coperti prenotati che risultano superiori a quelli del 2019.”

Grafico da The Fork

L’estate scorsa (e quella che si avvicina)

Un’estate salvata in corner dal turismo interno, come rischia di diventare anche la prossima, peraltro. Gli effetti sull’occupazione sono stati pesanti: in un sondaggio condotto per il rapporto, il 52% dei rispondenti ha detto di aver applicato “la disoccupazione temporanea per la totalità del suo personale, mentre quasi il 20% lo ha fatto per oltre la metà del suo staff”. Solo il 6% ha rinunciato a “tutto” il proprio personale mentre il 70% ha resistito indenne. (I dati sono aggiornati alle prime settimane del 2021.) E gli aiuti statali? Il 92% degli intervistati non li ritiene “sufficienti alla sopravvivenza”.

Unanimità, o quasi. Le categorie del settore puntano infine sulle riaperture e – soprattutto – sulla possibilità di sistemare tavoli all’aperto con la libertà già sperimentata la scorsa estate. Nel frattempo, come abbiamo visto altrove, in Spagna la situazione sembra essere migliorata da tempo.

Grafico da The Fork

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita

Nei CdA italiani le donne sono il 38%

In Italia 46 donne Ceo. Nel nel settore sanitario sono il 70% della forza lavoro ma solo il 25% in posizioni di leadership. Ma le leggi funzionano: Quando Lella Golfo ha presentato la legge nel 2011, c'erano solo 170 donne nei Consigli di Amministrazione italiani, contro più di 2.700 uomini, un livello del 6%. Oggi siamo al 38%