Economy L'Europa ci darà il "diritto alla disconnessione"?

L’Europa ci darà il “diritto alla disconnessione”?

Essere costantemente connessi, insieme alle forti sollecitazioni sul lavoro e alla crescente aspettativa che i lavoratori siano raggiungibili in qualsiasi momento, può influire negativamente sui diritti fondamentali dei lavoratori nonché sulla loro salute fisica e mentale e sul loro benessere”. È piuttosto chiara la Proposta di Risoluzione (clicca qui per scaricarla in pdf) approvata dalla Commissione per l’occupazione e gli affari sociali dell’Unione Europea sul cosiddetto “diritto alla disconnessione”: un provvedimento che ha appena iniziato il suo iter legislativo e arriva in un momento propizio, in cui milioni di persone hanno toccato con mano il fragilissimo equilibrio tra “lavoro” e “vita personale”. Per “disconnessione” la proposta intende “il mancato esercizio di attività o comunicazioni lavorative per mezzo di strumenti digitali, direttamente o indirettamente, al di fuori dell’orario di lavoro”, ovvero la possibilità che un lavoratore smetta di lavorare, anche se in telelavoro, rispettando gli orari stabiliti con il datore di lavoro.  

Nel documento si “invita la Commissione a valutare e affrontare i rischi di una mancata tutela del diritto alla disconnessione” e “ad adoperarsi affinché gli Stati membri e i datori di lavoro garantiscano ai lavoratori la possibilità di esercitare il loro diritto alla disconnessione”. Inoltre, si legge nel testo che “i lavoratori – si legge nel testo dovrebbero disporre di un’adeguata protezione giudiziaria e amministrativa contro un trattamento sfavorevole in risposta all’esercizio dei diritti sanciti dalla presente direttiva o a un tentativo di esercitarli, compresi il diritto di ricorso e il diritto di avviare procedimenti amministrativi o giudiziari per garantire la conformità con la presente direttiva.” La risoluzione è passata con 31 votes favorevoli, 6 contrari and 18 astenuti e ha avuto il sostengo anche del Ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Forza Italia a Milano, ecco la lista dei candidati: dentro Vedani e Bestetti. Santa Maria all’Urbanistica in caso di vittoria. Rumors

Milano, ecco la lista dei candidati di Forza Italia. E c'è attesa per il nome del candidato sindaco del centrodestra

Verona, il sindaco Federico Sboarina dalla Lega a Fratelli d’Italia. Tensioni nel Carroccio

Dopo l'addio del sindaco di Verona Federico Sboarina, direzione Giorgia Meloni, nella Lega salgono le tensioni. Si attende il nome per Milano

Dopo la terza ondata Covid le nostre città sono sicure? Nuova puntata di “The True Show” – VIDEO

Dopo la terza ondata Covid si riparte. Ma ci sono stati anche molti casi di violenza. Le nostre città sono sicure? Guarda “The True Show”

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Festival dell’Economia di Trento, Tito Boeri “sacrifica” gli economisti e l’evento diventa un flop

Il primo Festival dell'Economia di Trento post-Covid è un flop con poche riflessioni di sostanza. Pochi gli economisti, tanti i giornalisti

Recovery Plan, quali parole ricorrono nel documento? Vincono “Resilienza” e “digitale”, bye bye per “stipendio” e “abitare”

Le parole più citate nel documento del Recovery Plan? "Resilienza" e "digitale". Maglia nera per "stipendio" e "abitare"

Varie ed eventuali sull’evoluzione dell’economia

da Webuild a Flavio Briatore passando per la cybersicurezza: notizie in pillole sull'evoluzione dell'economia

Il G7 2021 in Cornovaglia partorisce la “global minimum tax”: ecco le basi per l’accordo

Tassa minima del 15%, applicata Paese per Paese, non più vincolata al domicilio fiscale di una multinazionale. Se ne è parlato al G7 2021

La tassa patrimoniale è una misura poco italiana: in 100 anni applicata solo 6 volte

La tassa patrimoniale in Italia? Approvata solo in emergenza. Lo dimostra che in 100 anni è stata applicata soltanto sei volte. Ma da chi?