Economy Il nuovo salario minimo

Il nuovo salario minimo

Tutto è iniziato quando l’Unione europea, lo scorso ottobre, ha pubblicato una direttiva per invitare i paesi ad adottare dei livelli minimi di retribuzione, tutelando almeno il 70% dei lavoratori con “accordi di primo livello”. Attenzione: “spingere”, non costringere. Tanto è bastato a ridare vita al dibattito sul salario minimo anche in Italia. Storicamente, dal punto di vista salariale, l’Ue è divisa in due gruppi: il primo prevede un regime universale, applicabile a tutti i lavoratori e diffuso in 22 Paesi su 28; il secondo è invece settoriale e basato sui contratti collettivi. Quest’ultimo tipo comprende l’Italia, l’Austria e la compagine scandinava dell’Unione (Danimarca, Finlandia e Svezia).

Una proposta rivoluzionaria, insomma, che sta ricevendo sostegno da più parti. La scorsa settimana ha avuto quello del presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, che è intervenuto in un’audizione al Senato con parole piuttosto chiare al riguardo: “Fissando il salario minimo a 8 euro l’ora al netto della tredicesima e del Tfr, ci sarebbe un maggiore reddito disponibile per i lavoratori (saldo tra maggiore retribuzione e maggiori imposte e contributi) di circa 3,3 miliardi”. Quanto al peso sulle imprese, circa 6 miliardi di costi supplementari, il 75% verrebbe trasferito sui consumatori, “con un effetto redistributivo a favore dei lavoratori a basso salario”. La decisione, inoltre, non ridurrebbe l’occupazione, così come non è accaduto in Germania quando hanno introdotto una misura simile.

Il caso tedesco è tra i più interessanti se si vuole capire l’effetto di una decisione simile. Secondo un report del 2019 dell’INAPP, infatti, “prima dell’introduzione del salario minimo, avvenuta nel 2015, il 40% dei lavoratori subordinati in Germania non era coperto da contrattazione collettiva e quindi da alcuna politica di salario minimo. Nel gennaio 2015 il salario minimo è stato fissato a 8,5 € l’ora (corrispondenti, per il tempo pieno, a 1.440€ mensili), con l’obiettivo di rivederlo ogni due anni. Nel 2018 è stato portato a 8,84€ all’ora (1.498€ /mese), mentre nel 2019 a 9,19€ l’ora. Nel 2020 si prevede di incrementarlo a 9,35 €. Il livello è stato fissato considerando il 48% del salario mediano del lavoro a tempo pieno.”

Ci sono poi gli effetti sociali e culturali di un cambiamento di queste proporzioni, su cui Tridico si è soffermato, citando alcuni studi: “L’aumento di un dollaro del salario minimo aumenta del 10% la probabilità di un bambino di essere in uno stato di salute eccellente e diminuisce del 25-40% la probabilità di assentarsi da scuola per problemi di salute”. Certo, la strada è in salita ma con il Recovery Fund tutto sembra possibile – crisi di governo permettendo, ovviamente.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Forza Italia a Milano, ecco la lista dei candidati: dentro Vedani e Bestetti. Santa Maria all’Urbanistica in caso di vittoria. Rumors

Milano, ecco la lista dei candidati di Forza Italia. E c'è attesa per il nome del candidato sindaco del centrodestra

Verona, il sindaco Federico Sboarina dalla Lega a Fratelli d’Italia. Tensioni nel Carroccio

Dopo l'addio del sindaco di Verona Federico Sboarina, direzione Giorgia Meloni, nella Lega salgono le tensioni. Si attende il nome per Milano

Dopo la terza ondata Covid le nostre città sono sicure? Nuova puntata di “The True Show” – VIDEO

Dopo la terza ondata Covid si riparte. Ma ci sono stati anche molti casi di violenza. Le nostre città sono sicure? Guarda “The True Show”

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Festival dell’Economia di Trento, Tito Boeri “sacrifica” gli economisti e l’evento diventa un flop

Il primo Festival dell'Economia di Trento post-Covid è un flop con poche riflessioni di sostanza. Pochi gli economisti, tanti i giornalisti

Recovery Plan, quali parole ricorrono nel documento? Vincono “Resilienza” e “digitale”, bye bye per “stipendio” e “abitare”

Le parole più citate nel documento del Recovery Plan? "Resilienza" e "digitale". Maglia nera per "stipendio" e "abitare"

Varie ed eventuali sull’evoluzione dell’economia

da Webuild a Flavio Briatore passando per la cybersicurezza: notizie in pillole sull'evoluzione dell'economia

Il G7 2021 in Cornovaglia partorisce la “global minimum tax”: ecco le basi per l’accordo

Tassa minima del 15%, applicata Paese per Paese, non più vincolata al domicilio fiscale di una multinazionale. Se ne è parlato al G7 2021

La tassa patrimoniale è una misura poco italiana: in 100 anni applicata solo 6 volte

La tassa patrimoniale in Italia? Approvata solo in emergenza. Lo dimostra che in 100 anni è stata applicata soltanto sei volte. Ma da chi?