Economy Le sfide che attendono il prossimo governo (qualunque sia)

Le sfide che attendono il prossimo governo (qualunque sia)

Nel labirinto dei problemi da risolvere, Mario Draghi dovrà dare risposta anche alle centinaia di migliaia di giovani a caccia di un’occupazione. Perché la pandemia, che ha affossato interi settori dell’economia, minaccia il futuro delle giovani generazioni. Maurizio Landini, segretario della Cgil, parla apertamente delle priorità: “Per cambiare il Paese serve il coinvolgimento del mondo del lavoro. Le priorità sono l’occupazione e la salute, quindi il piano vaccinale gli investimenti sulla sanità pubblica.

Sindacati e Recovery Fund

Al Presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi chiederemo una proroga del blocco dei licenziamenti che vada oltre il 31 marzo e, allo stesso tempo, un confronto per la riforma degli ammortizzatori sociali: la proroga del blocco è un’esigenza sociale del nostro Paese”. In coro Cgil, Cisl, Uil esprimono le loro “preoccupazioni per la situazione di emergenza sanitaria, sociale, occupazionale ed economica del paese che rischia di aggravarsi nelle prossime settimane quando scadrà il blocco dei licenziamenti e la cassa Covid”.

Ma può bastare il paracadute della cassa integrazione? Probabilmente no. Conoscendo il pragmatismo di Draghi, vien da pensare che, anche grazie al Recovery Fund, il presidente incaricato darà priorità a ciò che può far marciare la locomotiva: una garanzia per il lavoro di tanti giovani. E intanto martedì prossimo ci sarà la prima mobilitazione nazionale dei navigator, assunti nel 2019 per “orientare” i beneficiari del reddito di cittadinanza a trovare un lavoro.

E i navigator?

I navigator, 2680 in Italia di cui 293 in Lombardia, protestano perché il 30 aprile terminerà il contratto con Anpal (Agenzia nazionale politiche attive per il lavoro), e nulla si sa del loro futuro. Nidil Cgil, Felsa Cisl, Uiltemp chiedono la proroga dei contratti, una riforma complessiva degli ammortizzatori sociali, la stabilizzazione di tutti i lavoratori precari di Anpal e nuove assunzioni nei centri per l’impiego. Non sarà facile uscire da una logica assistenziale come quella costruita sul Reddito di cittadinanza e i Navigator. Senza dubbio occorre una profonda riforma che metta in primo piano il merito e la formazione. Un’altra scommessa per Mario Draghi.

(Wikimedia: Mario Draghi)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita

Nei CdA italiani le donne sono il 38%

In Italia 46 donne Ceo. Nel nel settore sanitario sono il 70% della forza lavoro ma solo il 25% in posizioni di leadership. Ma le leggi funzionano: Quando Lella Golfo ha presentato la legge nel 2011, c'erano solo 170 donne nei Consigli di Amministrazione italiani, contro più di 2.700 uomini, un livello del 6%. Oggi siamo al 38%