Economy I numeri del decreto Sostegni

I numeri del decreto Sostegni

È il primo vero banco di prova (AstraZeneca a parte) del governo di Mario Draghi e si chiama decreto Sostegni, valore 32 miliardi. Bbiettivo prioritario: dare ossigeno a chi ha pagato duramente il crollo dell’economia, sotto i colpi della pandemia. Il Cdm di venerdì sera – piuttosto tormentato – alla fine ha prodotto, oltre a un mini-condono fiscale, una serie di provvedimenti attesi e in gran parte utili. Naturalmente il conto verrà pagato tra un paio d’anni ma oggi è opportuno guardare il bicchiere mezzo pieno.

Licenziamenti e Partite Iva

In primis, sullo stop ai licenziamenti, con mille mal di pancia, è passata la doppia proroga: a giugno e a ottobre. Mentre sui contratti a termine, “fino al 31 dicembre 2021, ferma restando la durata massima complessiva di 24 mesi, è possibile rinnovare o prorogare per un periodo massimo di 12 mesi e per una volta sola i contratti di lavoro subordinato a tempo determinato”.

I contributi del decreto Sostegni arriveranno alle imprese e ai titolari di partita Iva che hanno visto crollare di almeno il 33% il proprio volume di affari lo scorso anno. Ci saranno cinque fasce, a seconda delle dimensioni dell’attività economica, e arriverà un assegno tra il 20% e il 60% del calo medio mensile. Su base annuale il contributo sarà pari al 5% del calo di fatturato per le partite Iva fino a 100mila euro, e scenderà fino all’1,7% per quelle tra 5 e 10 milioni.

Vaccini, vaccini, vaccini

Sul versante pandemia, per accelerare la campagna vaccinale e “assicurare un servizio rapido e capillare”, non verrà applicato agli infermieri del Servizio sanitario nazionale, coinvolti “al di fuori dell’orario di servizio”, l’incompatibilità prevista dalle norme sull’esclusività del rapporto di lavoro. Partirà anche la somministrazione, sperimentale dei vaccini per il 2021, a cura dei farmacisti appositamente formati.

Il decreto destina complessivamente a vaccini e cure anti-Covid oltre 4,5 miliardi: 2,1 miliardi per l’acquisto di dosi, 700 milioni per i farmaci, 1,4 miliardi per i compiti del Commissario (stoccaggio, logistica, campagne di informazione), 345 milioni per il coinvolgere più medici possibile, 50 milioni come remunerazione aggiuntiva delle farmacie. 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Chi è Andrea Russi, candidato M5S alle elezioni Torino 2021

Andrea Russi è un giovane politico del MoVimento 5 Stelle, prima consigliere comunale e ora candidato alle elezioni Torino 2021

Giuseppe Conte, quella corrispondenza d’amorosi sensi con Alessandro Di Battista

Giuseppe Conte vuole coinvolgere Alessandro Di Battista. E per farlo sta inviando all'ex deputato diversi segnali...

Le lauree in Italia dei prossimi 5 anni? Vincono economisti e ingegneri, difficoltà per psicologi e architetti

Laureati in Italia, chi sorride dopo gli studi? Sul podio informatici, ingegneri e avvocati. Arrancano psicologi, letterati e urbanisti

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Le lauree in Italia dei prossimi 5 anni? Vincono economisti e ingegneri, difficoltà per psicologi e architetti

Laureati in Italia, chi sorride dopo gli studi? Sul podio informatici, ingegneri e avvocati. Arrancano psicologi, letterati e urbanisti

Festival dell’Economia di Trento, Tito Boeri “sacrifica” gli economisti e l’evento diventa un flop

Il primo Festival dell'Economia di Trento post-Covid è un flop con poche riflessioni di sostanza. Pochi gli economisti, tanti i giornalisti

Recovery Plan, quali parole ricorrono nel documento? Vincono “Resilienza” e “digitale”, bye bye per “stipendio” e “abitare”

Le parole più citate nel documento del Recovery Plan? "Resilienza" e "digitale". Maglia nera per "stipendio" e "abitare"

Varie ed eventuali sull’evoluzione dell’economia

da Webuild a Flavio Briatore passando per la cybersicurezza: notizie in pillole sull'evoluzione dell'economia

Il G7 2021 in Cornovaglia partorisce la “global minimum tax”: ecco le basi per l’accordo

Tassa minima del 15%, applicata Paese per Paese, non più vincolata al domicilio fiscale di una multinazionale. Se ne è parlato al G7 2021