Politics Chi ha registrato Letizia? E' caccia alla talpa. Nel mirino M5S o...

Chi ha registrato Letizia? E’ caccia alla talpa. Nel mirino M5S o maggioranza…

Chi ha registrato l’audio di Letizia Moratti sul pil? Ed è possibile che da tutte le riunioni, anche quelle riservate, escano audio che poi finiscono sui giornali? Non sarebbe dunque meglio farle direttamente in forma completamente aperta? E’ quello che si chiedono le forze di maggioranza dopo l’ennesimo “leak” di audio. Tra le voci che stanno girando è che sarebbe un esponente di maggioranza ad aver registrato le frasi di Letizia Moratti, anche se pare sia un rumor infondato. Sicuramente non sono stati i microfoni di sala ad aver captato nulla, perché i partecipanti alla riunione si erano accertati che fossero spenti. E dunque: chi partecipava alla riunione? Per la maggioranza Anelli (Lega), Comazzi (Fi), Lucente (Fdi), Cosentino (Lombardia ideale), Beccalossi, Del Gobbo, Palmeri e Franco (Cambiamo). Poi, per l’opposizione Pizzul, Baffi, Carretta, Strada, Usuelli, De Rosa. Infine l’Ufficio di Presidenza: Borghetti, Violi e Malanchini. Di “esterni” solo il dg Fasano. E dunque: chi ha registrato l’audio di Letizia Moratti? C’è chi scommette che sia stato un esponente pentastellato, e chi invece punta su malumori che continuano ad esserci in maggioranza. Certo è che tra telefonate riferite (caso Mastella-Calenda), registrazioni di riunioni riservate e documenti che ormai diventano pubblici un secondo prima di essere stati inviati, la politica è sempre di più una casa di vetro.

(Immagine: Facebook)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Fontana, la pandemia e la lezione da impartire a chi non la pensa come te

Ieri ho appreso una lezione. In effetti, non ci voleva molto, ma è sempre importante ricordarsi qual è il mondo con cui...

“Negli Stati Uniti in due ore ti fai il vaccino: basta il passaporto”

"Ciao a tutti, ho appena fatto il vaccino in farmacia qui a New York, una farmacia che non è un centro specializzato...

Esame Avvocato: caos al software Ministero, le promesse infrante della Cartabia

Migliaia di dati in fuga e privacy violata dal sistema di via Arenula. I praticanti: "Sono di Milano, mi convocano a Catanzaro con un altro nome"

Antonio Barbato rinviato a giudizio

L’ex comandante della polizia locale Antonio Barbato è stato rinviato a giudizio nel procedimento aperto contro di lui per falso ideologico e frode in pubbliche forniture. Una vicenda processuale che si riferisce a fatti del 2015