Economy 2020, l'anno dei corrieri

2020, l’anno dei corrieri

È stato l’anno della logistica e dei corrieri, l’anno in cui persino un Paese anziano e poco digitalizzato come l’Italia ha scoperto (o è stato costretto a scoprire) l’e-commerce. Come si dice spesso, infatti, la pandemia ha velocizzato processi che erano in corso da tempo, trasportandoci nel futuro. Nulla di più vero per le consegne a casa e gli acquisti online, il cui boom ha creato una nuova domanda di personale per le spedizioni.  

Se dei rischi legati al mestiere del corriere si è parlato spesso (orari sfiancanti, aggravati da periodi intensi come quello natalizio), anche le aziende che li impiegano hanno dovuto affrontare l’emergenza, e non è stato tutto oro colato come si pensa. Come ha spiegato a True News Enzo Solaro, Segretario Generale di FEDIT (Federazione Italiana Trasportatori, che rappresenta le principali realtà del settore), nel corso dell’anno c’è stato “un calo del B2B (Business To Business) in favore del B2C (Business To Consumer)”: insomma, dalla logistica industriale a quella legata al consumatore, tutti noi. “Ciò ha costretto le aziende a una veloce riorganizzazione delle spese, a cui è seguita una contrazione dei ricavi perché il B2C è meno remunerativo del B2B. Su tutto, poi, c’è stato l’aumento dei costi di adeguamento, con più personale e l’acquisto dei dispositivi di protezione”.   L’anno in cui il corriere è diventato un mestiere indispensabile lascerà grandi tracce in questo settore e non solo. Secondo Solaro, “le abitudini delle persone, che hanno ormai imparato ad acquistare online, rimarranno. Anche perché, dopo il primo lockdown nazionale, non abbiamo registrato un ritorno alle modalità tradizionali di spesa”. Continueremo ad aspettare i nostri pacchi a casa, dunque, anche dopo il vaccino? Se così fosse, continueremo anche ad avere bisogno dei corrieri. Urge quindi una riflessione sulla categoria e le sue condizioni di lavoro, quando l’emergenza sarà finita.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tutti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura