Economy La carica delle 101

La carica delle 101

Sono 100 donne più una, Giovannella Condò, che è ideatrice del progetto e co-fondatrice dello Studio Milano Notai. Sono tutte professioniste, d’ogni settore e ogni età, riunitesi per creare un ponte tra le figure professionali della community e le startup. Un’idea nata, come ha spiegato a True News Condò, “unendo due mie grandi passioni, che sono il networking femminile e il diritto societario”, creando soluzioni innovative per aiutare soggetti nuovi e in ascesa. Startup, quindi, e imprenditorialità giovanile: due sfere che hanno bisogno di sostegno reciproco. E la varietà di skill e competenze del gruppo lo rendono abbastanza vario da poter essere d’aiuto e ispirazione per qualsiasi società. Anzi, il punto di vista da “outsider” è la chiave del progetto, come spiega una delle ideatrici dell’iniziativa, Odile Robotti. Ma come funziona questa “Carica”?

Il punto d’incontro è perlopiù negli Outsiders’ Inn, degli eventi dedicati a un particolare tema o settore in cui un team di 5-7 donne si mette a disposizione di una startup. I primi esperimenti, fatti in collaborazione con l’Associazione Startup Turismo Italia, hanno dato risultati “molto positivi”, secondo Robotti, che ha sottolineato come il settore dell’innovazione possa trarre giovamento da punti di vista esterni e lontani dalla “bolla”. “Ci hanno ringraziato”, racconta ancora Condò, “per la disponibilità e per il tempo dedicato da parte di figure professionali con una certa seniority ed esperienza”. Per il 2021, i progetti in cantiere sono molti. Ci saranno quattro “Inn” sia virtuali che ibridi e su verticali diversi. Tra questi, il bando dell’associazione del settore SheTech, che cerca una startup che abbia almeno una founder. In un giorno, ci sono state nove candidature, tra cui molte di spessore. E questo è solo l’inizio: l’idea è di formare un altro gruppo da 101 persone extra-Milano, e portare la “carica” in tutta Italia.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita

Nei CdA italiani le donne sono il 38%

In Italia 46 donne Ceo. Nel nel settore sanitario sono il 70% della forza lavoro ma solo il 25% in posizioni di leadership. Ma le leggi funzionano: Quando Lella Golfo ha presentato la legge nel 2011, c'erano solo 170 donne nei Consigli di Amministrazione italiani, contro più di 2.700 uomini, un livello del 6%. Oggi siamo al 38%