Ripescaggio Italia Mondiali 2022: è ancora possibile dopo i sorteggi?

Ripescaggio Italia Mondiali 2022: per alcuni è ancora possibile anche se è un miraggio, per altri non ci sono più speranze.

Ripescaggio Italia Mondiali 2022: ancora in rete e nelle speranze di molti tifosi azzurri circola l’idea della possibile partecipazione della Nazionale tricolore a Qatar.

Ripescaggio Italia Mondiali 2022: è ancora possibile dopo i sorteggi

Primi dei sorteggi il presidente della Fifa, Gianni Infantino aveva commentato l’esclusione dell’Italia: Mi viene proprio da piangere, per tutti gli italiani è triste, è il secondo Mondiale di fila al quale non partecipano gli azzurri — ha sottolineato ai microfoni di RaiSport —.

E se si non qualificano al prossimo Mondiale saranno 12 anni di assenza”.

Evelina Christillin, membro europeo della Fifa, ha tagliato corto e tolto ogni speranza: “Mercoledì in Qatar abbiamo avuto il consiglio della Fifa e oggi abbiamo fatto il Congresso, con tutte le delegazioni collegate compresa quella iraniana — ha detto la 66enne dirigente italiana a Un Giorno da Pecora —, né ieri né oggi si è parlato di una loro esclusione dal Mondiale”.

Ha poi aggiunto chiudendo quasi ogni discorso a Un Giorno da Pecora: “Non si è fatto nessun riferimento a quanto avvenuto in Iran e, comunque, se pure fossero stati esclusi al loro posto sarebbe entrata una squadra asiatica”. Infine: “Togliamoci dalla mente che l’Italia possa andare al Mondiale. Impossibile che la nostra Nazionale venga ripescata, è solo un wishful thinking (un’utopia)”.

Cosa dice il regolamento

L’ipotesi ripescaggio è contemplata, oltre per scenari di guerra, solo in caso di sospensione ed espulsione di Federazioni calcistiche da parte della FIFA.

Due articoli sono presenti nello statuto FIFA.

Il primo cita la sospensione di un’associazione membro su richiesta del Consiglio qualora la Federazione non adempiesse agli obblighi finanziari nei confronti della FIFA oppure qualora il regolamento fosse espressamente violato.

Solo un mese fa Kenya e Zimbawe sono state sospese dalla FIFA per interferenza del governo nelle attività delle federazioni calcistiche. Realisticamente, quindi, le possibilità che una delle Federazioni qualificate ai prossimi Mondiali venga sospesa sono davvero remote.

Qualora una di essere verrà esclusa dalla Coppa del Mondo, la FIFA sarà costretta a decidere a sua esclusiva discrezione, così come recita l’articolo 6 del regolamento preliminare FIFA dei Mondiali 2022.

“Se una qualsiasi associazione si ritira o viene esclusa dalla competizione, la FIFA deciderà sulla questione a sua esclusiva discrezione e intraprenderà qualsiasi azione si ritenga necessario”. Non c’è dunque un criterio predefinito per scegliere la Nazionale che sarebbe eventualmente ripescata in caso di buco nel tabellone dei Mondiali.

La speranza è davvero l’ultima a morire ma questa ci sembra davvero troppa.