Numero 88 nel calcio, perchè è stato ritirato

Numero 88 nel calcio: Non ci saranno più calciatori che indosseranno la maglia con il numero 88. Ad annunciarlo è stato l'attuale ministro dell'Interno

Numero 88 nel calcio: non ci saranno più calciatori che indosseranno questa maglia. Ad annunciarlo è stato l’attuale ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi. Ecco il motivo.

Numero 88 nel calcio, perchè è stato ritirato

Il numero 88 è stato ritirato nel calcio, il che significa che non ci saranno più calciatori italiani che indosseranno il numero 88. Il motivo? L’88 è usato dai gruppi neonazisti per simbolizzare il saluto Heil Hitler (la “H” è l’ottava lettera dell’alfabeto).

L’iniziativa contro l’antisemitismo

Da qui la decisione di ritirare l’uso di questo numero tramite un apposito protocollo, il quale andrà a disciplinare “le modalità con le quali, al verificarsi di cori, atti ed espressioni di stampo antisemita, dovrà essere immediatamente disposta l’interruzione delle competizioni calcistiche, con la contestuale comunicazione al pubblico presente dei motivi del’interruzione tramite apposito annuncio effettuato a mezzo di altoparlanti e display“. L’iniziativa per la lotta contro l’antisemitismo sottoscritta oggi al Viminale tra il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, il ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi, il Coordinatore nazionale per la lotta contro l’antisemitismo Giuseppe Pecoraro e il presidente della Federazione italiana gioco calcio Gabriele Gravina.

Le altre iniziative

Sempre nel medesimo protocollo, però, vi è anche il divieto dell’uso da parte delle tifoserie di simboli che possano richiamare il nazismo. A ciò si aggiunge la richiesta di responsabilizzazione verso i tesserati di tenere un linguaggio non discriminatorio in tutte le manifestazioni pubbliche.