Politics La mossa del cavallo di Zingaretti che spiazza Bonaccini

La mossa del cavallo di Zingaretti che spiazza Bonaccini

di redazione

“Lo stillicidio non finisce. Mi vergogno che nel Pd, partito di cui sono segretario, da 20 giorni si parli solo di poltrone e primarie, quando in Italia sta esplodendo la terza ondata del Covid, c’è il problema del lavoro, degli investimenti e la necessità di ricostruire una speranza soprattutto per le nuove generazioni”. Parole durissime nel post di Nicola Zingaretti su Facebook con cui annuncia le sue dimissioni da segretario del Partito democratic. “Sono stato eletto proprio due anni fa. Abbiamo salvato il Pd e ora ce l’ho messa tutta per spingere il gruppo dirigente verso una fase nuova. Ho chiesto franchezza, collaborazione e solidarietà per fare subito un congresso politico sull’Italia, le nostre idee, la nostra visione. Dovremmo discutere di come sostenere il Governo Draghi, una sfida positiva che la buona politica deve cogliere – continua -. Non è bastato. Anzi, mi ha colpito invece il rilancio di attacchi anche di chi in questi due anni ha condiviso tutte le scelte fondamentali che abbiamo compiuto. Non ci si ascolta più e si fanno le caricature delle posizioni”.

Così parla Zingaretti. Dimissioni che fra i dem lasciano l’amaro in bocca: “Che mossa è?” mormora qualcuno a bassa voce. E invece un senso ce lo ha e non è dettata solo dalla rabbia. Da settimane nel partito volano gli stracci in vista dell’assemblea nazionale. Non è nemmeno più una notizia che a sfidare Zingaretti sarebbe stato il governatore dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, contando anche sull’appoggio degli ex renziani. Una fronda inaccettabile ma numericamente corposa. Per iniziare dal giorno successivo al voto a colpire sotto la cintura il Presidente del Lazio e sfiancarlo da dentro. Con le dimissioni Zingaretti dimostra di non starci. Si chiama fuori dal gioco al massacro e impedisce a Bonaccini di giocare il ruolo del “rottamatore”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

F1, Sebastian Vettel penalizzato per la maglia arcobaleno: la protesta del pilota contro la legge anti-Lgbtq+ in Ungheria

Vettel, il pilota della Ferrari, è sotto investigazione per non aver rispettato le procedura del pre-gara del Gran Premio in Ungheria.

Vanessa Ferrari, quando gareggia: data, ora, come vedere la diretta tv della finale delle Olimpiadi Tokyo 2021

Vanessa Ferrari è arrivata in finale di corpo libero alle Olimpiadi di Tokyo 2021. Proverà a vincere la medaglia d'oro olimpica.

Chiara Bontempi, chi è la fidanzata (e futura moglie) di Gianmarco Tamberi

Il segreto del successo per Gianmarco Tamberi? Gli allenamenti, la sua tenacia ma anche la sua fidanzata (e futura moglie) Chiara Bontempi

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano