Politics La Campania voleva fare la prima della classe. Ma i richiami sono...

La Campania voleva fare la prima della classe. Ma i richiami sono a rischio?

Ora, io non vorrei tornare sul luogo del delitto. Ma ma ma, qualcosa dovremo pur dire, spero, di quanto questo Covid sparigli le carte. Alla fine la regola è sempre la stessa. Uno fa il figo e pam, arriva il Covid a dimostrare quanto sia uno sfigato. Pensiamo a Boris Johnson, il premier inglese che faceva il figo con l’immunità di gregge. Pam, contagiato anche lui. Idem per quell’altro genio di Bolsonaro. Trump ci ha rimesso la presidenza contro un avversario che vabbè, non era proprio Obama. Ma anche da noi non si scherza. Zingaretti va a fare l’aperitivo multietnico e pam, Covid pure lui. Fontana viene preso in giro per settimane per la mascherina e pam, tutti con la mascherina. I medici lombardi e il povero Gallera, che ci ha rimesso il posto, sono stati perculati per giorni perché la Lombardia era ultima nella distribuzione dei vaccini anti Covid.

La Campania e le dosi per il richiamo

De Luca, invece, faceva il figo: in Campania vaccinavano il 101 per cento delle persone. Il motivo? Andavano anche ad estrarre una sesta dose da un quantitativo di cinque. Peccato che ce l’avevano messa, quella sesta dose, perché doveva servire per i richiami, in caso di problemi con la distribuzione, e non perché hanno sbagliato a fare i conti, questi strani statunitensi con il nome che sa di Germania. E non solo quella: consigliavano di tenere via il 30 per cento delle dosi disponibili. Invece no, De Luca fa il figo. Prima si fa vaccinare lui saltando tutte le code. Poi dice evidentemente ai suoi di spingere, perché in Campania le cose si fanno meglio di tutti. E infatti la Campania è in testa! Prima per distribuzione, 101 per cento, 10 e lode! Ma il Covid è così, un po’ bastardo se ti metti a fare il figo. E infatti Pfizer mette in merd* mezza Europa perché è in ritardo con i vaccini. Ma tanto dai, ce le avete vero le dosi di scorta, quel 30 per cento che vi abbiamo detto di tenervi da parte, no? Ma sì, quel 30 per cento, e poi la sesta dose, eddai, ve l’avevamo detto no? Ehi, Campania, ce le hai le dosi per il richiamo vero? Non le avrai mica usate tutte? Come dici? Solidarietà tra Regioni. Ah ecco.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Riccardo Muti: biografia, figli e carriera di un ambasciatore italiano nel mondo

Chi è Riccardo Muti, il celebre direttore d'orchestra che oggi, 28 luglio, compie 80 anni. Biografia, figli e carriera di un ambasciatore...

Stefano De Martino e Fiammetta Cicogna si sono sposati (ma è solo una scena di un film)

L’ex ballerino di Amici insieme alla modella e conduttrice Fiammetta Cicogna stanno girando il film dal titolo Il giorno più bello.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Cuba e Haiti, Venezuela e Colombia: l’America Latina in fiamme. L’estate rovente tra crisi e fermento sociale

Nei paesi del Sud America come Argentina, Cuba, Haiti, Venezuela e Colombia la crisi non si placa. E c'è il rebus Usa-Biden

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano