Politics Più vaccinati che dosi. Che stranezza la campagna di De Luca

Più vaccinati che dosi. Che stranezza la campagna di De Luca

di Francesco Floris

Un errore? ovvio. La matematica non è un’opinione e quindi è impossibile che la Regione Campania abbia effettuato 68.138 somministrazioni del vaccino Pfizer-BioNTech avendoo ricevuto “solo” 67.020 dosi. Il 101,7%. Eppure questo risulta fin da domenica sera dall’applicazione governativa (vedi screen) che dovrebbe tracciare in tempo reale numero di dosi e numero di vaccinati e che ogni giorno è il principale strumento di stampa e politica regionale per fare la classifica delle regioni più performanti durante la campagna vaccinale e da contrapporre o quelle “peggiori”.

La Regione governata da Vincenzo De Luca è stabilmente in testa. Nel “gruppo dei migliori” si direbbe mutando l’espressione dal gergo ciclistico. Fin troppo. Dentro la metafora è come se la Campania avesse vinto un gran premio della montagna scalando vette più alte di quelle realmente esistenti. Certo, che De Luca facesse miracoli è cosa nota ma nessuno credeva che potesse applicare le sue doti anche all’aritmetica. Non c’è altra spiegazione. O forse una soltanto ma che arriva dalla satira, non dalla politica o dalla scienza. Qualcuno – come direbbe Crozza imitando il presidente della Regione – si deve essere “arrubbato” delle dosi di vaccino Pfizer. Poca roba: un 1 per cento in più.

Ciò che invece è più probabile, nel mondo vero, è che la Campania abbia spinto sin da subito la campagna vaccinale e che addirittura abbia utilizzato la cosiddetta “sesta dose”, quella che si recupera da ogni fiala (cinque dosi) con le perdite. Il problema è però che l’Agenzia europea del farmaco (Ema) ha consigliato a tutti di stoccare un 30% delle dosi, da utilizzare per i richiami da effettuare sui vaccinati 21 giorni dopo la prima somministrazione. Questo perché non è probabile un incremento della capacità produttiva dei vaccini in poche settimane per poter soddisfare le esigenze di tutti. In Italia al momento arrivano circa 470mila vaccini Pfizer-BioNTech a settimana e vengono distribuiti alle regioni che devono farseli bastare anche per i richiami. Chi ha spinto troppo (Campania e Veneto parrebbe dai dati attuali) rischia grossi: di arrivare alla finestra in cui richiami e fase due della campagna vaccinale si sovrappongono con poche dosi. Cosa si sceglie a quel punto? La decisione obbligata è sospendere la campagna vaccinale per fare solo i richiami senza i quali lo sforzo precedente diventa inutile. Un bel collo di bottiglia. Anzi un collo di siringa, ancora più stretto. Sarà per questo che alcune regioni (indovinate quali?) iniziano a rumoreggiare per avere più dosi degli altri?

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Angelo D’Orsi: “La mia Torino contro i poteri forti, basta eventi e grandi opere. Ricuciamo le periferie con la cultura”

Lo storico Angelo D’Orsi, sostenuto dalla sinistra radicale, si candida alla guida di Torino per "scardinare i poteri forti". L'obiettivo? "Vincere"

Dal barboncino di Pertini al bracco di Draghi. Ecco i cani dei potenti

Alcuni politici li usano in campagna elettorale, altri nelle questioni diplomatiche. Il semplice fatto che un leader politico venga ritratto insieme al proprio animale domestico trasmette una sensazione di vicinanza e umanità.

La sanità dei Cinque Stelle? È il “modello Veneto” (ma per la Lombardia)

Proposte di riforma della sanità lombarda? C'è anche quella che i grillini hanno chiamato “ATS Lombardia”, che di fatto ricalca quanto già esiste oggi in Veneto con l'Azienda Zero

Recovery Plan a Milano? Salta riapertura dei Navigli, soldi a trasporti e quartieri popolari

Nella lista delle opere per il Recovery Plan a Milano i soldi per riaprire i Navigli non ci sono. L'elenco aggiornato al 10 maggio 2021, consultato da True-News, punta le proprie fiches su trasporti e qualità dell'abitare