Politics Più vaccinati che dosi. Che stranezza la campagna di De Luca

Più vaccinati che dosi. Che stranezza la campagna di De Luca

di Francesco Floris

Un errore? ovvio. La matematica non è un’opinione e quindi è impossibile che la Regione Campania abbia effettuato 68.138 somministrazioni del vaccino Pfizer-BioNTech avendoo ricevuto “solo” 67.020 dosi. Il 101,7%. Eppure questo risulta fin da domenica sera dall’applicazione governativa (vedi screen) che dovrebbe tracciare in tempo reale numero di dosi e numero di vaccinati e che ogni giorno è il principale strumento di stampa e politica regionale per fare la classifica delle regioni più performanti durante la campagna vaccinale e da contrapporre o quelle “peggiori”.

La Regione governata da Vincenzo De Luca è stabilmente in testa. Nel “gruppo dei migliori” si direbbe mutando l’espressione dal gergo ciclistico. Fin troppo. Dentro la metafora è come se la Campania avesse vinto un gran premio della montagna scalando vette più alte di quelle realmente esistenti. Certo, che De Luca facesse miracoli è cosa nota ma nessuno credeva che potesse applicare le sue doti anche all’aritmetica. Non c’è altra spiegazione. O forse una soltanto ma che arriva dalla satira, non dalla politica o dalla scienza. Qualcuno – come direbbe Crozza imitando il presidente della Regione – si deve essere “arrubbato” delle dosi di vaccino Pfizer. Poca roba: un 1 per cento in più.

Ciò che invece è più probabile, nel mondo vero, è che la Campania abbia spinto sin da subito la campagna vaccinale e che addirittura abbia utilizzato la cosiddetta “sesta dose”, quella che si recupera da ogni fiala (cinque dosi) con le perdite. Il problema è però che l’Agenzia europea del farmaco (Ema) ha consigliato a tutti di stoccare un 30% delle dosi, da utilizzare per i richiami da effettuare sui vaccinati 21 giorni dopo la prima somministrazione. Questo perché non è probabile un incremento della capacità produttiva dei vaccini in poche settimane per poter soddisfare le esigenze di tutti. In Italia al momento arrivano circa 470mila vaccini Pfizer-BioNTech a settimana e vengono distribuiti alle regioni che devono farseli bastare anche per i richiami. Chi ha spinto troppo (Campania e Veneto parrebbe dai dati attuali) rischia grossi: di arrivare alla finestra in cui richiami e fase due della campagna vaccinale si sovrappongono con poche dosi. Cosa si sceglie a quel punto? La decisione obbligata è sospendere la campagna vaccinale per fare solo i richiami senza i quali lo sforzo precedente diventa inutile. Un bel collo di bottiglia. Anzi un collo di siringa, ancora più stretto. Sarà per questo che alcune regioni (indovinate quali?) iniziano a rumoreggiare per avere più dosi degli altri?

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Semestre bianco: cos’è, quando inizia e cosa significa per Sergio Mattarella

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sta per entrare nel suo "semestre bianco". Ma cos'è e perché è importante?

F1, Sebastian Vettel penalizzato per la maglia arcobaleno: la protesta del pilota contro la legge anti-Lgbtq+ in Ungheria

Vettel, il pilota della Ferrari, è sotto investigazione per non aver rispettato le procedura del pre-gara del Gran Premio in Ungheria.

Vanessa Ferrari, quando gareggia: data, ora, come vedere la diretta tv della finale delle Olimpiadi Tokyo 2021

Vanessa Ferrari è arrivata in finale di corpo libero alle Olimpiadi di Tokyo 2021. Proverà a vincere la medaglia d'oro olimpica.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano