Politics Renzi, Palermo e Cdp. Le vere sfide sotterranee del governo

Renzi, Palermo e Cdp. Le vere sfide sotterranee del governo

Ha vinto o perso Matteo Renzi? È presto per dirlo. Molto presto. Dipende da quali saranno le prossime mosse di Giuseppe Conte per allargare la maggioranza. Quello che trapela dalle segrete stanze è che Renzi non si è astenuto come prima opzione, ma perché erano già in sei i suoi fedelissimi a non voler votare contro. L’astensione invece lascia aperte tutte le porte. E non è un segreto che Renzi sia un maestro nel riuscire a sfruttare le posizioni intermedie per intercettare le posizioni di potere. Dunque, la grande partita delle nomine. Il quadro è assai ampio: a breve vanno a scadenza Rai, Saipem, Ferrovie, Gse e – ovviamente – la grande e strategica Cassa Depositi e Prestiti. E c’è già chi ha messo nel mirino Fabrizio Palermo, l’amministratore delegato di Cdp. Tuttavia i bene informati sanno che finché c’è questo governo l’ultimo tra tutti a rischiare è proprio Palermo. Ottimo rapporto con Giovanni Gorno Tempini, che vorrà essere rinnovato in attesa di poter competere per la presidenza di Fondazione Cariplo, Palermo è difeso in prima persona da Conte, dal mondo bancario e da tutti quelli che hanno voce in capitolo. Anche se il Pd volesse attaccare la sua posizione, sarebbe difficile per Gualtieri&Co imporre il dalemiano Arcuri. Oltre al fatto che la pandemia fa sì che così come sono stati rinnovati gli altri, anche a Palermo potrebbe essere richiesto un secondo giro. E Arcuri continuerà ad essere impegnato nella sua gestione commissariale.

Certo, c’è chi vorrebbe allettare Palermo sventolandogli il meglio remunerato posto di ad a Leonardo. Dove tuttavia il mandato dura poco più di una anno, a differenza dei tre di Cdp. Con un dettaglio peraltro assai importante: durante il prossimo mandato di Cdp vanno a scadenza tutti i cda che contano, e dunque sono tutti treni che Palermo – volendo – potrebbe prendere. Insomma, Cdp va verso una stabilità che invece potrebbe non essere affatto garantita per un altro colosso come la Rai. Là ci saranno con tutta probabilità molti cambiamenti. E non è detto che Matteo Renzi non ci metta lo zampino.

(Immagine: Wikimedia)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Angelo D’Orsi: “La mia Torino contro i poteri forti, basta eventi e grandi opere. Ricuciamo le periferie con la cultura”

Lo storico Angelo D’Orsi, sostenuto dalla sinistra radicale, si candida alla guida di Torino per "scardinare i poteri forti". L'obiettivo? "Vincere"

Dal barboncino di Pertini al bracco di Draghi. Ecco i cani dei potenti

Alcuni politici li usano in campagna elettorale, altri nelle questioni diplomatiche. Il semplice fatto che un leader politico venga ritratto insieme al proprio animale domestico trasmette una sensazione di vicinanza e umanità.

La sanità dei Cinque Stelle? È il “modello Veneto” (ma per la Lombardia)

Proposte di riforma della sanità lombarda? C'è anche quella che i grillini hanno chiamato “ATS Lombardia”, che di fatto ricalca quanto già esiste oggi in Veneto con l'Azienda Zero

Recovery Plan a Milano? Salta riapertura dei Navigli, soldi a trasporti e quartieri popolari

Nella lista delle opere per il Recovery Plan a Milano i soldi per riaprire i Navigli non ci sono. L'elenco aggiornato al 10 maggio 2021, consultato da True-News, punta le proprie fiches su trasporti e qualità dell'abitare