Politics Rai, i fedelissimi di Casalino e Conte ora rischiano il posto

Rai, i fedelissimi di Casalino e Conte ora rischiano il posto

Quando cambia il vento della politica (e del potere) in Italia c’è un posto dove gli spifferi, anzi, le raffiche, arrivano prima che altrove: la Rai.

Con la fine del governo Conte (e dell’era Casalino) e con l’arrivo del più sobrio Mario Draghi è infatti scattata nei corridoi della tv di Stato la corsa al “riposizionamento”. Sia chiaro: il neo premier non ha alcuna intenzione di occuparsi di poltrone nella tv pubblica ma i rapporti di potere inevitabilmente sono cambiati e gli equilibri, precari, lasciano spazio a crolli e scivolate. Tutti quelli che avevano cercato e trovato protezione dal M5S, dal premier Conte e dal suo potentissimo capo della comunicazione oggi temono di perdere il posto al sole conquistato.

Sono diversi infatti quelli che in poche ore stanno quasi rinnegando un anno e mezzo di fedeltà pronti a cercare appigli altrove. Operazioni già viste mille volte anche in passato ma che non sempre vanno a buon fine. C’è ad esempio una persona, già alle prese con le difficoltà legate agli ascolti della sua trasmissione (spesso cancellata per vari motivi), che dopo aver sorriso a Palazzo Chigi ha provato a richiamare i vecchi amici della Lega trovando dall’altra parte qualcuno con la memoria lunga che, inutile dire, ha respinto al mittente la richiesta d’aiuto.

Ma il vento del cambiamento riguarda soprattutto la rete ammiraglia, Rai 1 ed il suo Tg. Per la guida della rete Coletta, in difficoltà anche per i cali generalizzati d’ascolto, rischia il posto e c’è già chi vede nel suo ufficio il ritorno di Teresa De Santis, la vera responsabile del clamoroso successo di Sanremo 2020. Per il principale telegiornale il Pd starebbe spingendo il nome di Simona Sala, attuale direttore di Radio 1.

Ma c’è movimento anche in Parlamento. Fratelli d’Italia starebbe provando prendersilaPresidenza della Commissione di Vigilanza Rai affidandola a Daniela Santanché, al posto di Barachini (Fi) che potrebbe diventare sottosegretario alle Telecomunicazioni.

C’è poi la partita del CdA. Tutti danno Salini in uscita ma anche lo stesso Presidente Foa sarebbe a rischio. Perché il vento quando cambia può fare due cose: spingerti in avanti o farti cadere.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Valvitalia, la società italiana di valvole che compete con le multinazionali straniere

Attiva nel settore delle valvole, Valvitalia è la società italiana che fa concorrenza alle grandi aziende americane

Rocco Forte Hotels, hotellerie di lusso: un affare di famiglia

Dodici alberghi cinque stelle lusso sparsi nel mondo e oltre 200 milioni di sterline di fatturato l’anno. Rocco Forte Hotels è un gigante dell’hotellerie...

IPZS: storia, servizi e governance dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (IPZS) si configura come una società per azioni, coordinata in modo esclusivo dal Ministero dell’Economia e delle...

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Fontana, la pandemia e la lezione da impartire a chi non la pensa come te

Ieri ho appreso una lezione. In effetti, non ci voleva molto, ma è sempre importante ricordarsi qual è il mondo con cui...

“Negli Stati Uniti in due ore ti fai il vaccino: basta il passaporto”

"Ciao a tutti, ho appena fatto il vaccino in farmacia qui a New York, una farmacia che non è un centro specializzato...

Esame Avvocato: caos al software Ministero, le promesse infrante della Cartabia

Migliaia di dati in fuga e privacy violata dal sistema di via Arenula. I praticanti: "Sono di Milano, mi convocano a Catanzaro con un altro nome"

Antonio Barbato rinviato a giudizio

L’ex comandante della polizia locale Antonio Barbato è stato rinviato a giudizio nel procedimento aperto contro di lui per falso ideologico e frode in pubbliche forniture. Una vicenda processuale che si riferisce a fatti del 2015