Politics Vi racconto dove sta Pieve Emanuele

Vi racconto dove sta Pieve Emanuele

Dove sta Pieve Emanuele? E dove sono finiti i lombardi? Disclaimer ed avvertenza prima di andare avanti: non si tratta di una difesa d’ufficio di Regione Lombardia, che con Aria sulle prenotazioni, vabbè non commentiamo. La politica – e soprattutto i tecnici – hanno dato il peggio del peggio, e forse è ora di metterci una pietra sopra all’idea di eccellenza lombarda perché solo mettendoci una pietra sopra riusciremo a ricostruire l’eccellenza.

Premesso questo. Ho letto di gente di Porta Venezia che si lamenta di andare a Pieve Emanuele e – cito testuale – descrive questo posto come un comune di Milano quasi fuori provincia. Quasi fuori provincia, capito? Pieve Emanuele è vicina a Milano, è quasi attaccata a Milano. Tanto per capirci: l’Humanitas è al confine tra Rozzano e Pieve Emanuele. I ragazzi di Pieve vanno avanti e indietro ogni giorno dai licei e dalle università di Milano. I lavoratori di Pieve vanno avanti e indietro da Milano. Da Milano a Pieve ci si mette, se va male, 45 minuti. Io ho capito che ormai tutti si sono abituati alla città dei 15 minuti, e vogliono le comodità a 15 minuti. Ma se il pessimo servizio di prenotazioni mi manda a 45 minuti di distanza, o manda mio padre anziano, purché si possa muovere, ovviamente, io prendo il padre anziano e ce lo porto.

Perché questo fa un lombardo. Si rompe le palle, ma alla fine ciapa su e va avanti. Non che frigna qui e là perché deve uscire dalla cerchia, quando poi ai primi caldi si fa magari due ore di coda per andare a Portofino. Questo fa un lombardo. Si rimbocca le maniche. E poi magari smoccola contro il sistema di prenotazioni che era proprio uno schifo. Ma intanto si vaccina. E torna a vivere.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

La svolta del governo Draghi sulle riaperture (e non solo)

Cantieri, scuole, bar e ristoranti aperti: dal 26 aprile cambia tutto. Ecco il cronoprogramma

Albertini tenta i moderati e i Cinque Stelle lo aiutano

Il sindaco di Milano presenta la sua lista con tutti i big e punta alla doppia cifra. Ma non è ancora risolto il nodo Cinque Stelle in coalizione che spaventa moderati e centristi. E se il centrodestra ha Gabriele Albertini...

Cosa perdiamo quando perdiamo le chiacchiere da ufficio

Colleghi distanti che non possono parlare né collaborare. Perché anche perdere tempo può servire in un ufficio

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Albertini tenta i moderati e i Cinque Stelle lo aiutano

Il sindaco di Milano presenta la sua lista con tutti i big e punta alla doppia cifra. Ma non è ancora risolto il nodo Cinque Stelle in coalizione che spaventa moderati e centristi. E se il centrodestra ha Gabriele Albertini...

Ddl Zan, volano gli stracci nella sinistra-sinistra

Luca Paladini e i Sentinelli attaccano chi da sinistra critica il Ddl Zan: "La sinistra che parla come Pillon". Volano gli stracci fra vecchie e nuove femministe e addirittura dentro i Verdi. Fra i litiganti, la Lega gode