Politics Maxistipendi e immobilismo. Afol Milano, dopo le inchieste il caos?

Maxistipendi e immobilismo. Afol Milano, dopo le inchieste il caos?

di Francesco Floris

Non c’è pace per Afol Metropolitana. Doveva essere un repulisti. Per riportare in auge l’Agenzia per la formazione e l’orientamento al lavoro di Milano – che gestisce centri per l’impiegopolitiche attive e centri di formazione professionale per recuperare all’obbligo scolastico i ragazzi che hanno abbandonato gli studi – dopo l’inchiesta della Dda di Milano su appalti, infiltrazioni e mazzette che hanno coinvolto anche l’ex direttore generale, Giuseppe Zingale. Qualcosa non ha funzionato. Cosa è stato fatto in un anno e mezzo? A rispondere su Arcipelago Milano è Pietro Ichino, consigliere di amministrazione di Afol. Primo: licenziamento in tronco di Zingale (“operazione non facilissima in un ente” scrive Ichino); secondo: elaborazione di un progetto di ristrutturazione dell’Agenzia; terzo: bando per l’assunzione di un nuovo Direttore Generale e tre nuovi dirigenti. Pochino? “Forse, dal di fuori, un anno per questi quattro passaggi può apparire un tempo troppo lungo – risponde a distanza il professore fustigatore della pubblica amministrazione e dei dipendenti pubblici – ma posso testimoniare in piena coscienza che non lo è: per riuscire a compiere questi passaggi abbiamo lavorato molto intensamente”.

Il maxi stipendio dei dirigenti

Nulla è stato fatto invece per la stabilizzazione dei docenti precari, alcuni da quasi 20 anni, che lavorano nei Centri di Formazione Professionale e recuperano ogni anno alla scuola i ragazzi in età d’obbligo scolastico. Anzi, proprio nelle settimane in cui gli inquirenti mettevano nel mirino i dirigenti di Afol, i docenti venivano esternalizzati a un’agenzia interinale per non doverli assumere come effetto del “Decreto Dignità”. Scelta presa con la sostanziale acquiescenza della Cgil Funzione Pubblica di Milano.

Ma parliamo dei dirigenti chiamati a risollevare le sorti dell’Agenzia. Per il post Zingale la scelta del cda di Afol è ricaduta su Tommaso Di Rino. Abruzzese, senza alcuna esperienza sul territorio di Milano e (pare) nemmeno la residenza in città. Chiamato come nuovo Dg per la modica cifra di 186mila euro. A cui aggiungere altri 100mila euro a testa per gli altri tre dirigenti assunti, per un totale di poco inferiore al mezzo milione di euro. Scelte che, anche a fronte dell’emergenza Covid e delle pesanti conseguenze su istruzione e mondo del lavoro, sono finite nel mirino dell’opposizione a Palazzo Marino. Il consigliere comunale di Forza Italia, Alessandro De Chirico, ha chiesto il 18 gennaio una serie di chiarimenti al sindaco Beppe Sala e alla giunta che ora hanno 30 giorni per rispondere. A cominciare dal mancato coinvolgimento dei 70 comuni dell’hinterland di Milano che compongono il consorzio costituente di Afol, e dalla richiesta di sapere quali corsi sono stati attivati nel corso del 2020 e per il 2021 per tenere conto delle mutate condizioni lavorative ed economiche.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Angelo D’Orsi: “La mia Torino contro i poteri forti, basta eventi e grandi opere. Ricuciamo le periferie con la cultura”

Lo storico Angelo D’Orsi, sostenuto dalla sinistra radicale, si candida alla guida di Torino per "scardinare i poteri forti". L'obiettivo? "Vincere"

Dal barboncino di Pertini al bracco di Draghi. Ecco i cani dei potenti

Alcuni politici li usano in campagna elettorale, altri nelle questioni diplomatiche. Il semplice fatto che un leader politico venga ritratto insieme al proprio animale domestico trasmette una sensazione di vicinanza e umanità.

La sanità dei Cinque Stelle? È il “modello Veneto” (ma per la Lombardia)

Proposte di riforma della sanità lombarda? C'è anche quella che i grillini hanno chiamato “ATS Lombardia”, che di fatto ricalca quanto già esiste oggi in Veneto con l'Azienda Zero

Recovery Plan a Milano? Salta riapertura dei Navigli, soldi a trasporti e quartieri popolari

Nella lista delle opere per il Recovery Plan a Milano i soldi per riaprire i Navigli non ci sono. L'elenco aggiornato al 10 maggio 2021, consultato da True-News, punta le proprie fiches su trasporti e qualità dell'abitare