Politics M5S fallito? La dimostrazione sono Raggi e Appendino

M5S fallito? La dimostrazione sono Raggi e Appendino

C’è un qualche contrappasso del destino nel fatto che proprio quelli che dovevano rinnovare tutto, alla fine sono sempre gli stessi. Il M5S fallito o comunque al lumicino si aggrappa alla luce di Giuseppe Conte, che nei sondaggi ha ancora una popolarità molto alta, che ovviamente cala nella misura in cui il tempo passa e lui sta fuori dalle scene che contano. Funziona così per tutti, e l’uomo di Padre Pio non fa eccezione.

Quello che stupisce, però, è che la forza vitale (come direbbe Bergson) del Movimento 5 Stelle. Una forza vitale che oggi è completamente esaurita. Ma come spesso accade in politica, quello che si vede oggi ha origini ieri e ieri l’altro. Se la Lega non ha nessuno da candidare a Milano della propria classe dirigente, come scrive oggi Massimo Rebotti sul Corriere della Sera, è un problema grosso ma nato negli anni.

M5S si affida a Appendino e Raggi (che a loro volta hanno fallito)

Se oggi il Movimento 5 Stelle, parimenti, deve affidarsi a due sindache (Chiara Appendino e Virginia Raggi) che coram populo (dunque per il popolo che peraltro poi è quello che vota) hanno fallito più o meno in qualunque cosa, evidentemente è perché non ci sono seconde linee in grado di raccogliere il testimone. Facce nuove spendibili. Eppure da un partito con oltre il 30 per cento che prometteva di rinnovare tutto ci si sarebbe aspettata una forza innovatrice, una cantera di talenti politici, una fucina di idee. Niente.

M5S fallito? Sì, perché non ha una seconda generazione alle porte

Il problema non è la prima generazione di politici di un Movimento, necessariamente di scarsa qualità e di nessuna esperienza, il fallimento del Movimento è nel fatto che non c’è una seconda generazione alle porte, che prenda il testimone e migliori. Ecco perché il vincolo dei due mandati è una cazzata clamorosa, che già la Lega Nord dei tempi che furono abolì nel giro di cinque anni. Appendino e Raggi, dunque, sempre là si torna. E Crimi (che già conoscemmo come Mr. 3 per cento contro Formigoni in Lombardia). Sempre gli stessi, senza futuro. E pure senza passato. Insomma, un disastro.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Le sedi delle prossime olimpiadi? Ecco quali città le ospiteranno (e chi sta pensando di candidarsi)

La sede delle prossime Olimpiadi del 2032 sarà Brisbane, unica città candidata. I Giochi torneranno in Australia a distanza di 32 anni da Sydney 2000.

Ius soli sportivo: cos’è e come funziona lo strumento richiesto dal Coni

Lo Ius soli sportivo prevede la possibilità che giovani stranieri partecipino a competizioni per squadre italiane ma non permette di ottenere la cittadinanza escludendoli dalle convocazioni della Nazionale.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver