Politics La Rai taglia i costi e Fabio Fazio rischia

La Rai taglia i costi e Fabio Fazio rischia

“Forse qualcuno non ha capito che già oggi e per sempre le cose non saranno più come prima. Certi stipendi non hanno più alcuna logica di mercato, anche in Rai. Bisogna dare un forte taglio ai costi. E non provino a farla passare come una caccia alle streghe…”

La crisi economica legata alla pandemia si fa sentire anche a Viale Mazzini. Il calo, pesante, della pubblicità nel 2020 (-7,4%, ma ad altri, leggi Mediaset, è andata anche peggio) ha accelerato quel processo di revisione degli stipendi e dei costi di cui si parla da tempo. Nei palazzi della politica dove il tema Rai è sempre al centro delle chiacchiere la situazione pare molto chiara: licenziare è impossibile, l’unica cosa quindi è tagliare costi inutili e stipendi faraonici, che ancora esistono.

Le inchieste di Striscia la Notizia sui costi delle sedi all’estero della tv di Stato hanno fatto rumore (e sono in molti a pensare che facciano proprio parte di questo disegno politico di lotta allo spreco) ma si guarda anche altrove. A certi personaggi i cui compensi, presunti o reali, sono da anni al centro dell’attenzione.

Primo tra tutti quello di Fabio Fazio. Lo storico conduttore di Che Tempo che Fa è in scadenza di contratto e la sua trasmissione ad oggi non è ancora presente nei palinsesti del prossimo anno. “L’anno prossimo? Mi ha invitato Rai Yo Yo” ha commentato ironicamente Fazio. Ovviamente c’è chi sta cercando di legare la sua presenza o meno in Rai a questioni politiche. Una sorta di epurazione salviniana.

“Non provi a fare la vittima – dice un onorevole molto dentro a quanto accade a Saxa Rubra – è una semplice questione economica. Chi non capisce il momento storico, sociale ed economico non è solo fuori dalla Rai, è fuori dal mondo”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Angelo D’Orsi: “La mia Torino contro i poteri forti, basta eventi e grandi opere. Ricuciamo le periferie con la cultura”

Lo storico Angelo D’Orsi, sostenuto dalla sinistra radicale, si candida alla guida di Torino per "scardinare i poteri forti". L'obiettivo? "Vincere"

Dal barboncino di Pertini al bracco di Draghi. Ecco i cani dei potenti

Alcuni politici li usano in campagna elettorale, altri nelle questioni diplomatiche. Il semplice fatto che un leader politico venga ritratto insieme al proprio animale domestico trasmette una sensazione di vicinanza e umanità.

La sanità dei Cinque Stelle? È il “modello Veneto” (ma per la Lombardia)

Proposte di riforma della sanità lombarda? C'è anche quella che i grillini hanno chiamato “ATS Lombardia”, che di fatto ricalca quanto già esiste oggi in Veneto con l'Azienda Zero

Recovery Plan a Milano? Salta riapertura dei Navigli, soldi a trasporti e quartieri popolari

Nella lista delle opere per il Recovery Plan a Milano i soldi per riaprire i Navigli non ci sono. L'elenco aggiornato al 10 maggio 2021, consultato da True-News, punta le proprie fiches su trasporti e qualità dell'abitare