Politics Beppe Grillo sul blog e Massimo D’Alema imbarazzano il Premier Mario Draghi

Beppe Grillo sul blog e Massimo D’Alema imbarazzano il Premier Mario Draghi

Nell’ultimo periodo Beppe Grillo è come una scheggia impazzita. Prima la sfuriata contro gli inquirenti e la vittima diciannovenne per la questione del presunto stupro ad opera del figlio Ciro. Il camaleontico comico genovese è diventato d’un tratto da manettaro a garantista. Dal giustizialismo colpevolista al garantismo innocentista. Una giustizia spettacolarizzata fatta a colpi di post e di video sui social.

Beppe Grillo e l’antiamericanismo sul blog

Poi la sparata sul suo blog riproponendo le riflessioni di Andrea Zhok fatte di antiamericanismo e terzomondismo: “Negli ultimi due giorni abbiamo assistito ad una parata ideologica come non se ne vedevano dalla caduta del muro di Berlino. Il G7 prima e la riunione della Nato poi hanno colto l’occasione per sparare a palle incatenate contro il “nemico nelle vesti di Russia e Cina”. Un attentato alla politica filo atlantica intrapresa con decisione dal premier Draghi. Un inno alla Cina e alla Russia di Putin.

Mario Draghi, il premier infastidito dalle posizioni di Beppe Grillo

Peccato che il M5S è il primo partito di maggioranza che sostiene il governo di Mario Draghi. La posizione del comico, quindi, non può non fare infuriare Palazzo Chigi. Anche perché le parole di Draghi sulla Cina al G7 sono state inequivocabili: “Il tema politico dominante del G7 è stato quale atteggiamento debbano avere le democrazie occidentali nei confronti della Cina e in generale di tutte le autocrazie, che usano la disinformazione, fermano gli aerei in volo, rapiscono, uccidono, non rispettano i diritti umani, usano il lavoro forzato. Tutti questi temi di risentimento nei confronti delle autocrazie sono stati toccati e condivisi. In questo senso è stato un vertice realistico: c’era contentezza per l’economia ma non si sono persi di vista i problemi politici”.

Il redivivo Massimo D’Alema elogia il comunismo cinese

Poi è stato il momento di gloria di Massimo D’Alema che – uscito per un attimo dal dimenticatoio dove si era infilato – le ha sparate ancora più grosse. A cento anni dalla nascita del Partito comunista cinese, l’ex presidente del Consiglio ed ex Ministro degli Esteri, tra una regata e l’altra in barca, ne ha ricordato con emozione “il grande merito storico”. Nell’intervista però si è scordato della continua violazione dei diritti umani, dell’autoritarismo delle sue istituzioni e dello stato in cui versa la popolazione dove una persona su quattro vive in povertà.

Insomma il primo caldo estivo ha fatto le sue prime vittime, speriamo nell’arrivo di un po’ di frescura.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Le sedi delle prossime olimpiadi? Ecco quali città le ospiteranno (e chi sta pensando di candidarsi)

La sede delle prossime Olimpiadi del 2032 sarà Brisbane, unica città candidata. I Giochi torneranno in Australia a distanza di 32 anni da Sydney 2000.

Ius soli sportivo: cos’è e come funziona lo strumento richiesto dal Coni

Lo Ius soli sportivo prevede la possibilità che giovani stranieri partecipino a competizioni per squadre italiane ma non permette di ottenere la cittadinanza escludendoli dalle convocazioni della Nazionale.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver