Politics M5S, la bomba di Grillo: “I due mandati rimangono”

M5S, la bomba di Grillo: “I due mandati rimangono”

di Sara Greta Passarin

La regola del doppio mandato deve essere mantenuta, parola di Beppe Grillo. E nel Movimento scoppia il caos con la “vecchia guardia” in rivolta contro il Garante. Nell’ultima call online con i parlamentari, infatti, il fondatore del Movimento ha fatto sapere (con grande stupore di deputati e senatori) che la regola dei due mandati è intoccabile e che non sarà cambiata. “È un pilastro del Movimento, io rimarrò fino a che ci sarà questa regola”, ha affermato, dicendo anche di voler evitare un divorzio con la piattaforma Rousseau. Una conferma che, in un sol colpo, metterebbe fuori gioco Luigi Di Maio, Paola Taverna, Roberto Fico, Alfonso Bonafede, Riccardo Fraccaro, Stefano Buffagni ma anche ex ministri come Nunzia Catalfo. L’unico che si salverebbe, guarda caso per il mandato-zero, è il contiano Stefano Patuanelli. Coincidenze? Per i più maliziosi no. 

Ma non sono solo i volti più noti ad essere delusi perché anche l’ala che fa capo a “parole guerriere”, che pensava in questa fase di tornare protagonista, rimarrebbe totalmente a bocca asciutta. Corrente che, per fare alcuni nomi, comprende Dalila Nesci, Carlo Sibilia, Mirella Liuzzi, Giuseppe Brescia, Luigi Gallo e Sergio Puglia (tutti al secondo mandato).

Quello che è certo è che molti deputati e senatori non accettano di essere scaricati né di veder troncata la carriera politica così presto. “Se davvero rimane questa regola Giuseppe Conte andrà avanti senza di noi” è la minaccia che circola. “Non finanziamo un progetto con soldi nostri se non possiamo esserne partecipi”, è il nocciolo del ragionamento. La speranza dei ribelli è che Giuseppe Conte si metta di traverso a Grillo, convincendolo in qualche modo a rivedere la propria convinzione. Altrimenti non è esclusa, da parte dei parlamentari a fine corsa, una protesta incisiva e organizzata.

Di contro deputati e senatori al primo mandato (seppur in silenzio) esultano. E sono anche piuttosto critici con i colleghi, accusandoli di non volere cedere il posto alle nuove leve. La battaglia per il futuro grillino, insomma, è appena iniziata. E il grande ex Alessandro Di Battista, sostenitore ferreo della regola del doppio mandato, si gode lo spettacolo dall’esterno.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Olimpiadi Tokyo, Alex Schwazer difende Jacobs dalle accuse: “Storie messe in giro da invidiosi”

Alex Schwazer difende Jacobs dalle accuse. Al campione olimpico Marcell Jacobs sono arrivate accuse assurde della stampa negli Stati Uniti e in Inghilterra: Washington Post e Times accusano Jacobs (indirettamente) di doping, il Mirror invece parla di finale di sconosciuti da cercare su Google.

Federica Pellegrini eletta nella commissione atleti del CIO: resterà in carica fino al 2028

Federica Pellegrini è stata eletta nella Commissione Atleti del CIO, insieme a Pau Gasol(cestista), Maja Wloszczowska (ciclismo), Yuki Ota (scherma). Un risultato di enorme prestigio per la Divina del nuoto. Sarà una delle voci degli Atleti, resterà in carica fino a Los Angeles 2028.

Olimpiadi, Lorenzo Zazzeri derubato appena rientrato da Tokyo

Lorenzo Zazzeri è stato derubato dei suoi ricordi olimpici ma non della medaglia d'argento vinta a Tokyo 2021. Tornato nella sua Firenze si era recato in piscina a festeggiare, nel frattempo qualcuno gli ha sottratto il borsone con i suoi ricordi dell'esperienza di Tokyo

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver