Politics Terrazza Sentimento, viene giù il muro: sempre più denunce. Ma perché questa...

Terrazza Sentimento, viene giù il muro: sempre più denunce. Ma perché questa omertà?

Piano piano, lemme lemme, il muro viene giù. Quel muro invisibile che circondava la Terrazza Sentimento, il regno del milionario Alberto Genovese. Un muro fatto di soldi, di potere, di relazioni, di giornali e giornalisti compiacenti. Viene giù, quel muro, perché di fronte alle violenze sessuali, alle brutalità documentate nelle immagini del servizio di riprese a circuito chiuso della magione con affaccio sul Duomo, le balle e le pinzillacchere, le ginocchia piegate e la protezione pelosa hanno poco da reggere.

Anche perché sullo sfondo c’è questo diffondersi di casi, uno dopo l’altro, di ragazze che denunciano. Perché denunciano? Hanno ragione? Lo dirà il tribunale. Certo è che se ci fossero le riprese – e di immagini video ce ne sono a migliaia di ore – , saranno casi processualmente abbastanza semplici. E allora, se quello di Genovese è un pattern, uno schema, il problema non riguarda più solo lui. Riguarda tutti quelli che sono entrati in quella Terrazza Sentimento. Magari non tutti sapevano del vizietto, magari non tutti hanno visto. Ma non è neppure possibile che non abbia visto nessuno. E sorprende che qualcuno non si sia fatto avanti per denunciare. Perché una cosa come l’omertà con affaccio sulla Madonnina è qualcosa che l’immagine di Milano non si merita.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Antonio Barbato rinviato a giudizio

L’ex comandante della polizia locale Antonio Barbato è stato rinviato a giudizio nel procedimento aperto contro di lui per falso ideologico e frode in pubbliche forniture. Una vicenda processuale che si riferisce a fatti del 2015

Nel mondo “chiuso” della Società del Giardino c’è un nuovo presidente: Fiori

Tornare alla tradizione. Pare questa la parola d'ordine del nuovo presidente della Società del Giardino, Lorenzo Fiori

Silenzi Pd sull’addio di Gentili, il consigliere rompiballe che segue i soldi di Milano

Il Pd decide di non ricandidare a Milano il presidente della Commissione Antimafia, David Gentili. C'entrano qualcosa le sue domande scomode per la città?

Berlusconi, da drago a cui si offrono le vergini a statista (in ospedale)

Silvio Berlusconi sorprende ancora. Per 20 anni abbiamo sbagliato tutto o il panorama attuale è così desolante da far rimpiangere il passato?

Politici e social network, la top 10 dei più seguiti in Italia e nel mondo

L’avvento dei social network ha modificato radicalmente il rapporto tra la politica e i cittadini. Negli ultimi anni, in maniera esponenziale, i...