Pharma Valzer di poltrone nella sanità veneta

Valzer di poltrone nella sanità veneta

Quale futuro per la sanità veneta nell’epoca post Domenico Mantoan? Lo storico Dg sanitario è stato chiamato come Direttore generale di Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali. È l’ente chiave che svolge una funzione di supporto tecnico e operativo alle politiche di governo dei servizi sanitari di Stato e Regioni. Ora si aprono le danze per la successione di Mantoan L’incarico dell’ex dg è stato affidato ad interim al direttore dell’Area risorse strumentali, Gianluigi Masullo, in attesa del bando predisposto dalla giunta Zaia per trovare un sostituto. Ci sarà la corsa all’incarico? Non proprio. In pochi vogliono o hanno le capacità per assumere un ruolo di tale peso e responsabilità in un momento così cruciale. Così la giunta di Luca Zaia ha eliminato alcuni paletti per rendere la poltrona più “appetibile”: alzando lo stipendio del futuro dg sanitario da 166mila e 240mila euro ed eliminando il tetto di età che era fissato a 65 anni. In pole position i rumors danno Claudio Dario, l’ex numero uno della Usl di Treviso, già direttore sanitario a Trento dove è stato per tre anni a capo dell’Azienda per i servizi sanitari della Provincia Autonoma e infine, dal dicembre 2019, direttore generale della sanità umbra alla corte dell’assesore Luca Coletto. Che proprio a Verona affonda le sue radici (biografiche prima ancora che politiche, è stato a sua volta assessore con Zaia), per gestire i due miliardi di euro della sanità di Perugia fra Asl e ospedali. Per Claudio Dario ora si prospetta un ritorno in “patria”?  

Le geometrie variabili prendono forma. La nomina di Mantoan in Agenas ha lasciato scoperti altri incarichi. Come quello di Presidente di Aifa che Mantoan ricopriva dall’ottobre 2019. Ora il suo posto nell’Agenzia viene assunto ad interim da Renato Bernardini, clinico e ordinario di Farmacologia all’Università di Catania, in quanto membro più anziano del consiglio di amministrazione. Ma la partita è aperta anche sul fronte dell’Agenzia italiana del farmaco.   Nel frattempo si muove anche la politica. La quinta commissione (Sanità e sociale) del consiglio regionale del Veneto torna, dopo vent’anni, ad essere guidata da una donna: è Sonia Brescacin eletta con la lista “Zaia presidente” la nuova numero uno della Commissione sanità di Palazzo Ferro Fini. Nata a Conegliano, in provincia di Treviso, classe ’75 e laureata in giurisprudenza, la Brescacin negli ultimi cinque anni è stata stata Segretario della stessa Commissione che ora va a presiedere e componente della Commissione regionale per le Politiche istituzionali, di bilancio, programmazione, Unione europea e relazioni internazionali.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Valvitalia, la società italiana di valvole che compete con le multinazionali straniere

Attiva nel settore delle valvole, Valvitalia è la società italiana che fa concorrenza alle grandi aziende americane

Rocco Forte Hotels, hotellerie di lusso: un affare di famiglia

Dodici alberghi cinque stelle lusso sparsi nel mondo e oltre 200 milioni di sterline di fatturato l’anno. Rocco Forte Hotels è un gigante dell’hotellerie...

IPZS: storia, servizi e governance dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (IPZS) si configura come una società per azioni, coordinata in modo esclusivo dal Ministero dell’Economia e delle...

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza