Pharma La “manina” di Regione dietro l'ok ad AstraZeneca

La “manina” di Regione dietro l’ok ad AstraZeneca

di Francesco Floris

Ci sarebbero, secondo indiscrezioni raccolte da True-News, anche le manine più o meno invisibili di Letizia Moratti e Attilio Fontana dietro al primo step positivo sull’iter di approvazione della somministrazione del vaccino AstraZeneca anche agli over 55. La vicenda è nota: il vaccino AstraZeneca, solo in Italia, era stato autorizzato per la fascia di età tra i 18 e i 55 anni. Questo avrebbe portato ad una rigidità nella somministrazione dei vaccini che invece con la prima approvazione di ieri dovrebbe essere superata. Decisivo sarebbe stato un parere pro veritate che Letizia Moratti ha portato a conoscenza dell’Aifa, che ieri si è dunque espressa positivamente, firmato dai dottori Giuseppe Remuzzi, Andrea Gori (fratello del sindaco di Bergamo Giorgio Gori) e Paolo Grossi. I tre luminari hanno messo in luce come fosse un’inutile presa di posizione quella di non far somministrare il vaccino a chi ha più di 55 anni.

Che cosa cambia per Regione Lombardia dopo l’approvazione di Aifa? Se l’Istituto superiore di sanità e il Consiglio superiore di sanità, con l’avvallo dei tecnici del Ministero della salute, dovessero sbloccare definitivamente la situazione – cosa che a questo punto si ritiene abbastanza probabile – il vaccino sarà somministrato in particolar modo a insegnanti e altre fasce di popolazione tra i 55 e i 70 anni, in modo più flessibile e quindi più efficace rispetto a quanto previsto.

Altro fronte su cui il tandem Fontana-Moratti sta lavorando è la necessità di effettuare test sierologici prima della somministrazione del vaccino, in modo tale da andare a escludere dalla vaccinazione coloro i quali, magari non sapendolo, hanno già avuto il Covid. Tuttavia su questo punto ancora non ci sono notizie certe ma solo una indicazione di massima a livello operativo.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza