Payback dispositivi medici 2022, il decreto: oltre 2 mld il ripiano a carico delle aziende

E' arrivato in Gazzetta Ufficiale il decreto di Mef e Salute che certifica il superamento del tetto di spesa dei dispositivi medici

E’ arrivato in Gazzetta Ufficiale il decreto di Mef e Salute che certifica il superamento del tetto di spesa (4,4% del fondo sanitario) dei dispositivi medici a livello nazionale e regionale per gli anni 2015, 2016, 2017 e 2018. Per il 2015  le aziende dovranno rimborsare 416 milioni, per il 2016 i mln sono 473, per il 2017 sono 552 mln e per il 2018 si sale a 643 mln.

In totale sono poco meno di 2,1 mld. Soldi che fanno particolarmente gola alle Regioni che ne hanno un bisogno disperato.

Sulla questione è poi in arrivo il testo dell’accordo tra Governo e Regioni (previsto dal Dl Aiuti Bis) che dovrà essere approvato dalla Conferenza Stato-Regioni con le modalità procedurali del ripiano dello sfondamento del tetto di spesa dei dispositivi medici.

Le quote complessive a carico delle aziende

Nel provvedimento si prevede “in ciascuna Regione o Provincia autonoma, l’eventuale superamento del tetto di spesa regionale, è posto a carico delle aziende fornitrici di dispositivi medici per una quota complessiva pari al 40 per cento nell’anno 2015, al 45 per cento nell’anno 2016, al 50 per cento per l’anno 2017 e al 50 per cento per l’anno 2018.

Ciascuna azienda fornitrice concorre alle predette quote di ripiano in misura pari all’incidenza percentuale del proprio fatturato sul totale della spesa per l’acquisto di dispositivi medici a carico del Servizio sanitario regionale”.

Le Regioni chiedono al Governo un “ente centrale o ufficio ministeriale”

In questo senso però le Regioni hanno chiesto alcune modifiche tra cui l’impegno del Governo a individuare un “ente centrale o ufficio ministeriale che, alla stregua di quanto avviene da parte di AIFA per il payback farmaceutico, certifichi per Regione gli importi dovuti a tutela dell’intero percorso di riscossione per ridurre il possibile contenzioso”.

Proposta poi l’apertura di un tavolo di confronto col Mef per definire criteri comuni e la garanzia che le somme esigibili possano essere conteggiate nei bilanci 2022. Ma la partita sarà dura perché come già dichiarato dal presidente di Confindustria Dispositivi medici Massimiliano Boggetti le imprese sono pronte a far partire i ricorsi.

Polemiche da Confindustria DM

“Il decreto Aiuti bis – scrive nella nota Confindustria Dispositivi medici – impone alle imprese produttrici una tassa di oltre due miliardi di euro.

Si tratta di un peso insostenibile per le aziende della salute, figlio di una norma iniqua che piomba sul comparto nel momento peggiore”.

Boggetti: “Il payback grava sulle aziende in un momento già drammatico per la nostra economia”

“Davanti alla necessità delle regioni di ripianare le spese dovute al Covid, col decreto Aiuti bis si decide di applicare una misura che colpisce pesantemente un comparto strategico per il Paese che ha la responsabilità di produrre salute – spiega il presidente di Confindustria Dm, Massimiliano Boggetti – e non può permettersi di interrompere il pubblico servizio privando le strutture sanitarie degli oltre 1,5 milioni di tecnologie essenziali per la diagnosi, la cura e la riabilitazione delle persone.

Il payback grava sulle aziende in un momento già drammatico per la nostra economia e contribuisce a creare un clima di insicurezza che impatta sull’innovazione e sugli investimenti. Le aziende che hanno negli anni partecipato a gare in cui sono stati definiti prezzi e quantità, dopo quasi 10 anni si vedono richiesta una contribuzione del 50% dello sforamento della spesa regionale, di cui non hanno responsabilità. Un colpo che mette a rischio la sopravvivenza delle imprese e le forniture del servizio sanitario”.