Pharma Malattie rare. L'accesso precoce alle cure, nell'equilibrio fra burocrazia e regole

Malattie rare. L’accesso precoce alle cure, nell’equilibrio fra burocrazia e regole

Il 45 per cento dei farmaci per malattie rare vengono messi a disposizione dei pazienti in maniera rapida

di Elisa Elena Mariano, Patient Access Specialist, Intexo Società Benefit

Ad oggi solamente il 5% delle 7000 malattie rare identificate dispone di un trattamento specifico, ma ci sono tante nuove terapie in arrivo.Per i pazienti affetti da queste gravi patologie, quindi, la possibilità di accedere alle nuove terapie in maniera rapida è fondamentale, anche considerando i passaggi burocratici e le tempistiche che intercorrono tra l’approvazione europea dei farmaci e la reale disponibilità per i pazienti italiani. Uno studio presentato da Intexo Società benefit al congresso ISPOR Europe 2020 ha preso in esame i 75 farmaci orfani approvati dall’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) tra gennaio 2015 e ottobre 2020, per valutare l’impatto di strumenti di accesso precoce sulla disponibilità di questi prodotti al mercato italiano. “La nostra analisi evidenzia come il 45% dei farmaci per malattie rare vengano messi a disposizione dei pazienti in maniera rapida – commenta Mariangela Prada, Patient Access Director di Intexo Società benefit – Emerge pertanto il ruolo centrale degli strumenti regolatori di accesso precoce, introdotti proprio per offrire ai pazienti rari in maniera tempestiva le nuove opportunità di cura”.

In Italia esistono tre principali strumenti regolatori che consentono un accesso precoce ai farmaci per il trattamento di malattie rare: la Legge 648 (che consente l’inserimento in una speciale lista di farmaci erogabili dal SSN a terapie particolarmente importanti, capaci di coprire need terapeutici ad oggi insoddisfatti); la Legge 326/2003 (che istituisce un apposito Fondo dedicato all’acquisto di farmaci per malattie rare) e l’uso compassionevole (DM 7 Settembre 2017, ovvero la messa a disposizione gratuita di nuovi farmaci da parte delle aziende). Ad ottobre 2020, 34 di questi 75 prodotti (45%) avevano avuto accesso al mercato italiano attraverso uno degli strumenti di accesso precoce sopra menzionati. Questo si è tradotto nella possibilità, per i pazienti italiani affetti da malattia rara, di accedere precocemente a queste terapie, senza dover attendere il lungo completamento dell’iter burocratico classico per l’autorizzazione e il rimborso.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Gig economy, significato e non solo: tutto quello che c’è da sapere

Che cos'è la Gig Economy? Perché questo fenomeno economico che sta crescendo a velocità esponenziale divide tanto l’opinione pubblica?

Concorsi scuola 2021: docenti e personale ATA

Diversi i concorsi scuola previsti nel 2021: tra questi 2 concorsi straordinari e 2 ordinari per docenti e uno per personale ATA

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza