Diabete, le nuove linee guida di Regione Sardegna

Come anticipato nel 2021 da true-news.it, la Giunta Solinas, su proposta dell’assessore della Sanità, Mario Nieddu, ha approvato venerdì scorso le nuove linee di indirizzo per la prescrizione e la gestione della terapia insulinica con micro infusori e con sistemi di monitoraggio continuo, in età adulta e pediatrica, e per la prescrizione di dispositivi medici per l’autocontrollo della glicemia. ‘

Assessore Nieddu: “Abbiamo rispettato impegni presi con diabetici sardi”

‘Ancora una volta – dichiara l’assessore Nieddu – abbiamo rispettato gli impegni presi con migliaia di diabetici sardi. Le nuove linee di indirizzo sul diabete sono state realizzate per rispondere a tutte quelle necessità a cui le precedenti disposizioni, che risalgono al 2016, non erano più in grado di fare fronte. Un risultato – precisa l’assessore – che è frutto di uno straordinario lavoro portato avanti dalla Consulta regionale della diabetologia”. Il documento tecnico, racchiuso in poco meno di sessanta pagine, è suddiviso in tre parti: la prima fornisce un riepilogo del quadro normativo e della bibliografia scientifica di riferimento, mentre la seconda e la terza parte contengono i protocolli tecnici operativi veri e propri rivolti ai medici e relativi alle terapie e alla prescrizione dei microinfusori e dei sensori, con indicazioni precise in merito, ad esempio, alle condizioni cliniche per la prescrizione, al numero massimo di dispositivi prescrivibili in relazione alle condizioni cliniche del paziente, alle controindicazioni e ai requisiti dei centri diabetologici e alla formazione dei pazienti e alla verifica dell’effettivo e consapevole utilizzo degli stessi dispositivi.

Carla Cuccu: “Un plauso, quindi, alla Regione che ha modificato le disposizioni”

Soddisfazione della Segretaria della commissione Salute Carla Cuccu (Idea Sardegna) che proprio tre giorni prima che la delibera già pronta, entrasse in approvazione in Giunta, aveva chiesto, seguendo anch’ella dall’inizio di legislatura le problematiche esposte dalle associazioni e pazienti diabetici, all’assessore “di acquistare ed erogare i sensori per la misurazione della glicemia a tutti i pazienti per i quali si rende necessario”.  “In quei giorni in tanti mi avevano segnalato come i presidi in dotazione alle Asl non fossero sufficienti per coprire la richiesta dei tantissimi assistiti insulinodipendenti – spiega la consigliera -.

Un plauso, quindi, alla Regione che ha modificato le disposizioni fino a ieri in vigore e penalizzanti per tanti pazienti. Insistere e battersi per anni alla fine porta dei risultati, a tutto vantaggio dei Sardi”, conclude Cuccu.