Pharma Case della Salute e Ospedali di Comunità, la mappa del Centro Studi...

Case della Salute e Ospedali di Comunità, la mappa del Centro Studi Inrete (SCARICA)

di Francesco Floris

In totale 493 Case della Salute e 163 Ospedali di Comunità. Strutture che avranno un ruolo centrale nella “Missione Salute” del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) all’esame del Parlamento. È quanto emerge dalla “mappa” realizzata dal Centro Studi Inrete, che ha elaborato i dati della “Relazione sullo sviluppo delle Case della Salute e degli Ospedali di Comunità nelle regioni italiane (anno 2020)”, il censimento 2020 dei cosiddetti “presidi delle cure intermedie”, realizzato dal Dipartimento Affari Sociali del Servizio Studi della Camera dei Deputati per avviare un confronto con la Conferenza Stato-Regioni.

La rete delle cure intermedie

L’indagine avviata nel dicembre scorso, con richiesta alle Regioni di fornire i dati disponibili, ha prodotto un dossier di 58 pagine che riassume il numero di Case della Salute e di Ospedali di Comunità attivi nell’anno 2020, con allegato un elenco per singola Regione o Provincia Autonoma che mostra un potenziale ambito di approfondimento a livello interregionale in vista del Recovery Plan a matrice italiana. Un approfondimento che non può che partire proprio dal ruolo dei posti in Rsa dedicati alla post-dimissione ospedaliera e soprattutto dalle strutture della cosiddetta “rete delle cure intermedie”, come le Case della Salute. Istituite per la prima volta in Italia nella Finanziaria 2007, vengono definite a livello normativo come “strutture polivalenti” in grado di erogare all’interno delle stesso spazio fisico un insieme di prestazioni socio-sanitarie.

L’obiettivo? Riunire nello stesso luogo gli studi dei Medici di Medicina Generale (MMG) per lavorare in team con i medici di continuità assistenziale (MCA) e di emergenza territoriale (MET) e realizzare almeno tre aspetti: garantire la continuità assistenziale 7 giorni su 7 e per le 24 ore; integrare i diversi livelli essenziali di assistenza; e infine chiamare i cittadini, famiglie e associazioni dei pazienti a condividere percorsi di programmazione dei servizi e delle attività, oltre a valutarne i risultati.

Si tratta di un ambito che merita un rafforzamento, anche alla luce di quanto avvenuto nei mesi della pandemia Covid e della necessità di rafforzare la medicina di territorio in Italia. Ma le analisi vanno distinte a livello territoriale, a causa della disomogeneità di queste strutture sul territorio nazionale, come emerge molto chiaramente dalla fotografia scattata dal dossier parlamentare.

Situazione disomogenea

A dominare la “classifica” stilata dal Dipartimento Affari Sociali del Servizio Studi della Camera dei Deputati, incompleta perché diverse regioni non hanno comunicato tempestivamente i dati, è la Regione Emilia-Romagna con 124 Case della Salute disponibili sul proprio territorio. Seguita da Veneto (77), Toscana (76) e Piemonte (71). Per quanto riguarda gli Ospedali di Comunità a fare da apripista nella penisola è il Veneto, con le sue 69 strutture per 1.426 posti letto. Più del doppio dei 616 delle Marche con 14 strutture, in seconda posizione, e dei 476 posti letto presenti in Lombardia per un totale 20 centri.

SCARICA L’INFOGRAFICA DEL CENTRO STUDI INRETE

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza