Pharma Andrea Costa e Pierpaolo Sileri, tutte le deleghe alla Sanità

Andrea Costa e Pierpaolo Sileri, tutte le deleghe alla Sanità

di Francesco Floris

Per Andrea Costa ci saranno partite importanti da gestire sull’edilizia sanitaria, l’igiene e la sicurezza degli alimenti per la nutrizione umana, la medicina sportiva e gli atti relativi alla lotta contro il doping nello sport che, nell’anno delle Olimpiadi di Tokyo post pandemia – ci si augura – e a poche settimane dalla sentenza sul caso di Alex Schwazer e la Wada, assumono un significato simbolico particolare. Per Pierapaolo Sileri, invece, potere di firma per gli atti sulla ricerca scientifica e tecnologica, la disciplina dei medici militari e dei corpi delle forze dell’ordine, la competenza sui dispositivi medici e sulle malattie rare.

A Sileri la ricerca

Sono ufficiali le deleghe dei due nuovi sottosegretari alla Salute del governo guidato da Mario Draghi. Il Cinque Stelle Sileri, confermato, si prende anche l’assistenza sanitaria negli istituti penitenziari, il monitoraggio delle politiche sanitarie relative all’invecchiamento della popolazione, i rapporti con Miur, università e enti di ricerca nazionali e internazionali e tutta la partita su finanziamento e stabilizzazione del personale precario della ricerca, dopo che è emerso come anche all’ultimo modello messo in campo, quello della “Piramide del Ricercatore”, serva più di un correttivo.

A Costa dipendenze e prevenzione

Per lo spezzino Andrea Costa invece, atterrato in extremis nella rosa di 39 nomi inseriti nella squadra del governo Draghi in quota Maurizio Lupi dopo l’acceso consiglio dei ministri serale del 24 febbraio, ecco arrivare anche deleghe pesanti come “sanità e ambiente”, il monitoraggio dei percorsi terapeutici connessi al fenomeno delle dipendenze, la prevenzione sanitaria, la relazione tra politiche per la salute e sport e la delega a rappresentare il ministro a Montecitorio e a Palazzo Madama.

Entrambi avranno il ruolo di sostituire il ministro Roberto Speranza nel rapporto con gli enti locali e le autonomie alla Conferenza Stato-Regioni e Stato-Città, potranno rispondere alle interrogazione a risposta scritta presentate da deputati e senatori e firmare le richieste di parere al Consiglio di Stato o altri organi e istituzioni su questione che non rivestono carattere generale o principio.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

La svolta del governo Draghi sulle riaperture (e non solo)

Cantieri, scuole, bar e ristoranti aperti: dal 26 aprile cambia tutto. Ecco il cronoprogramma

Albertini tenta i moderati e i Cinque Stelle lo aiutano

Il sindaco di Milano presenta la sua lista con tutti i big e punta alla doppia cifra. Ma non è ancora risolto il nodo Cinque Stelle in coalizione che spaventa moderati e centristi. E se il centrodestra ha Gabriele Albertini...

Cosa perdiamo quando perdiamo le chiacchiere da ufficio

Colleghi distanti che non possono parlare né collaborare. Perché anche perdere tempo può servire in un ufficio

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

L’idea di Beppe Sala? Una lista elettorale per la “Salute”

L'idea nella testa del sindaco di Milano ispirata dal consigliere e medico Marco Fumagalli. I Comuni inizieranno a occuparsi di sanità?

La salute nelle città ai tempi del cambiamento climatico

La salute nelle città al centro dell'Atto di Indirizzo 2021 del Ministero della Salute: aria, acqua, gestione del territorio. Scarica l'infografica