Pharma La squadra che guida il nuovo Centro Nazionale Comitati Etici per le...

La squadra che guida il nuovo Centro Nazionale Comitati Etici per le sperimentazioni cliniche

Sarà guidato da nove uomini e cinque donne. La squadra? Maria Luisa Moro, Giuseppe Remuzzi, Maria Platter, Tommasina Iorno, Angelo Ricci, Giovanni Barosi, Paolo Bruzzi, Mario Guerrieri, Agostino Migone De Amicis, Renzo Pegoraro, Carlo Maria Petrini, Patrizia Popoli, Franco Rossi, Antonella Eliana Sorgente e Gianni Tognoni. Oltre ai tre componenti di diritto: il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, il Presidente del Comitato nazionale per la biosicurezza, le biotecnologie e le scienze della vita, Andrea Lenzi e il Presidente del Comitato nazionale per la bioetica, Lorenzo D’Avak. Sono loro che guideranno il “Centro di coordinamento nazionale dei comitati etici territoriali per le sperimentazioni cliniche sui medicinali per uso umano e sui dispositivi medici”. Affiancheranno il Presidente Carlo Petrini, Direttore dell’Unità di bioetica e Presidente del Comitato Etico dell’ISS, che guida il Centro Nazionale tornato in auge per volontà del governo Draghi con il decreto del 27 maggio scorso firmato dal Ministro della Salute, Roberto Speranza. Il coordinamento è affidato all’ Agenzia Italiana del Farmaco con il Direttore Generale di Aifa, Nicola Magrini che partecipa alle riunioni e assicura il coordinamento con l’ufficio dell’Agenzia.

Si riunirà una volta con votazioni a maggioranza qualificata. Con compiti fondamentali. Come definire il contenuto minimo dei contratti relativi alla sperimentazione clinica e fornire consulenza in materia di valutazione etica delle sperimentazioni per far sì che siano condotte in conformità ai principi contenuti nella Convenzione sui Diritti dell’Uomo e la Biomedicina, nella Dichiarazione di Helsinki e nelle vigenti regole della Buona Pratica Clinica, oltre che in base alle leggi domestiche applicabili in tema di trasparenza, prevenzione della corruzione e protezione dei dati personali.

Ma il Centro nazionale nato per essere garante dell’omogeneità, delle procedure e del rispetto dei termini temporali, con funzione di coordinamento, indirizzo e monitoraggio degli aspetti etici relativi alle sperimentazioni cliniche sui medicinali per uso umano e sui dispositivi medici demandate ai Comitati etici territoriali, può esprimere anche pareri – su richiesta di Aifa – in merito agli studi clinici che richiedono ulteriori revisioni in seguito ad eventi avversi. Nel caso di sperimentazioni multinazionali, il parere deve essere espresso nei tempi della normativa europea. Sulla pagina dedicata dell’Agenzia Italiana del Farmaco 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Olimpiadi 2021: Di Francisca, Velasco e il giornalismo dei buonisti. A Tokyo è vietato criticare

La Rai allontana Elisa Di Francisca dopo le critiche alla squadra di Fioretto femminile e lo scontro con Julio Velasco. Ipocrisie di un giornalismo che non critica mai nessuno

Russia, scopre di aver dato alla luce il figlio di un’altra donna: errore durante la fecondazione in vitro

Dà alla luce il figlio di un’altra donna, per un errore durante una fecondazione in vitro in Russia. Gli embrioni erano stati scambiati.

Incendi in Sardegna: Elisabetta Canalis lancia una raccolta fondi. “Questa emergenza mi ha toccato in prima persona”

Per incendi in Sardegna Elisabetta Canalis lancia una raccolta fondi. E il Banco di Sardegna presenta due misure per aiutare tutti.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Test prenatale non invasivo, passa emendamento Pd per la gratuità: 500mila euro e soglia Isee. Al via sperimentazione in Lombardia

Passa emendamento Pd al bilancio di assestamento di Regione Lombardia: test prenatali gratis per donne over 35 in gravidanza. Più sicurezza per donne e feti. Letizia Moratti: via alla sperimentazione. La misura prevede 500mila euro di fondi nel 2021 e soglie Isee

OsMed 2020, numeri e novità sui farmaci in Italia: 30 mld di spesa. Meno antibiotici con il Covid, quinti Europa sui farmaci orfani

La spesa farmaceutica in Italia? Nel 2020 è stata pari a 30,5 miliardi di euro. Una cifra pari al 2019, con la pandemia che non ha quindi incrinato, né fatto esplodere, la richiesta di farmaci da parte di cittadini e servizio sanitario.

Sanità lombarda, Emanuele Monti: “Al lavoro da agosto. Priorità? La partecipazione attiva di associazioni e ordini professionali”

La riforma della legge 23 sbarca in consiglio regionale. Il presidente della Commissione Sanità Emanuele Monti: "Al lavoro da agosto".

“Noi, coop di medici in pandemia. Il futuro è della medicina organizzata di prossimità”

Il futuro è la medicina di prossimità organizzata. E le coop di medici avranno sempre più un ruolo per "essere un centro servizi a supporto del cittadino e del medico"

Sanità lombarda e Pnrr, il 40% di Ospedali e Case di Comunità pronti nel 2022

Attilio Fontana e Letizia Moratti, in conferenza stampa, hanno presentato la riforma della legge 23. La promessa? "Tempi certi"