Future Continua la ricerca di un social network per Trump (e i suoi)

Continua la ricerca di un social network per Trump (e i suoi)

Continua la ricerca di un social network alternativo ai grandi nomi di Facebook e Twitter. Da tempo la destra americana ha creato ambienti alternativi, spesso diventati coacervi di razzismo. È il caso di Gab, social network preferito dall’alt-right, ma anche di Parler, finito al centro dell’attenzione dopo l’assalto a Capitol Hill dello scorso gennaio.

È lo stesso Donald Trump a partecipare a questa ricerca. Da quando, in seguito proprio agli eventi di Washington, è stato bandito da Facebook e Twitter (tra gli altri), l’ex presidente degli Stati Uniti prepara un ritorno. Che deve però essere in grande stile, secondo gli standard di The Donald.

Le alternative al mainstream

Finora Trump ha detto di no agli inviti di Gab e di Parler. Quanto all’idea di costruirsi un social su misura, se ne parla da tempo. Il punto è che tra le aziende che hanno bandito Trump ci sono anche Google e Amazon, ed è dura farlo senza usare i loro servizi. Bisognerebbe quindi usare altri mezzi (alternativi, meno affidabili) e sperare che il prodotto finale non venga hackerato com’è successo a Parler. “Il social della libertà d’espressione”, come si autodefiniva, ha subito un attacco hacker pesantissimo che ha di fatto aiutato gli inquirenti a ricostruire gli attacchi di Capitol Hill.

Dai cuscini ai social

Nel frattempo si muove anche Mike Lindell, fondatore di MyPillow, un brand di materassi e cuscini noto agli spettatori di Fox News, la rete, vicina alla destra trumpiana. Lindell è un grande sostenitore del 45esimo presidente e ha da poco annunciato “Frank”, un social network piuttosto bizzarro, dedito alla libertà d’espressione e in cui – tra le altre cose – sarà proibito “nominare il nome di dio invano”. Online dal 16 aprile, il sito sembra fatto peggio ancora di Parler e dimostra quanto questo tipo di progetti dilettanteschi siano poco affidabili, se non controproducenti. Chissà, forse è per questo che Trump, per ora, sta a guardare.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Perché Gucci investe nell’agricoltura rigenerativa?

E non solo: anche Timberland e Patagonia puntano sempre più sul settore

Fatturato in calo 5,4%: il peso economico del cambiamento climatico

Ogni grado in più ci costa una fortuna, secondo il Politecnico

Come Nick Clegg è diventato il Ministro degli Esteri di Facebook

Questa settimana si è parlato tanto di Oversight Board, da qualcuno definita “la Corte Suprema di Facebook”. Le somiglianze tra il gigante...

Piantare alberi è solo l’inizio. Anche se sono 60 milioni

La Fondazione Alberitalia vuole riempire il Paese di verde, e ha un piano

Trump vuole tornare online, i social preferiscono di no

Facebook conferma il bando mentre Trump si fa un Twitter personale