Future Lo stato comatoso delle startup italiane

Lo stato comatoso delle startup italiane

Sono poche quelle che riescono a crescere. Ancora meno quelle che riescono a imporsi al di fuori del Paese, allargandosi all’estero. La scena delle startup innovative e tecnologiche italiane presenta problemi e segni di arretratezza da tempo, specie se paragonata a quella britannica o tedesca (che ha in Berlino un hub notevole). Il confronto migliore – e più crudele – è forse quello con la Francia, dove la Tibi Initiative, con cui il governo ha voluto puntare sul settore. Nonostante la pandemia, insomma, la manovra ha iniettato quattro miliardi di euro in decine di imprese. Con ottimi risultati, peraltro, creando 200 scaleup.

Le scaleup? Solo trenta

Per scaleup si intende un tipo di startup che ha già superato le prime fasi di sviluppo (la ricerca del business model innanzitutto) per potersi concentrare sulla crescita. In Italia, secondo Business Insider, abbiamo avuto invece 400 milioni di euro per sole trenta scaleup.

Lo stato delle startup nostrano è stato raccontato recentemente anche dal Mulino, in un articolo di Adam Arvidsson e Vincenzo Luise, in cui si spiega come le startup italiane abbiano vita breve e siano piene di debiti. Colpa di un’economia e di una cultura poco propensa al rischio, oltre che alla mancanza di liquidità delle imprese. Tra le 100 “migliori neoimprese innovative” raccolte nel 2018 da Startup Italia, esattamente un terzo (33) erano in perdita di almeno mezzo milione di euro.

I problemi nostrani

L’Italia è fanalino di coda nel numero di posti lavoro creati dalle startup, oltre che per il livello di internazionalità. Basta osservare il panorama nostrano delle startup per individuare i grandi mali che interessano l’Italia, anche al di fuori delle imprese innovative: un’economia stagnante e periferica, poco attenta alle nuove idee. Idee che, peraltro, ci sono. Esistono anche startup interessanti e con potenziale, ma vengono sempre azzoppate dalla mancanza di capitali o l’incapacità di comunicare il proprio prodotto. È quello che chiamano “startup culture”, che in un Paese in cui le startup esistono solo come parola vuota da usare in campagna elettorale.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Hotelturist, come vivere una vacanza indimenticabile

Conoscere nuovi posti e assaporare prelibatezze culinarie, tutto da vivere in luoghi magici e soprattutto accoglienti. Hotelturist, società operante nel settore alberghiero, è attiva...

Valvitalia, la società italiana di valvole che compete con le multinazionali straniere

Attiva nel settore delle valvole, Valvitalia è la società italiana che fa concorrenza alle grandi aziende americane

Rocco Forte Hotels, hotellerie di lusso: un affare di famiglia

Dodici alberghi cinque stelle lusso sparsi nel mondo e oltre 200 milioni di sterline di fatturato l’anno. Rocco Forte Hotels è un gigante dell’hotellerie...

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Perché Gucci investe nell’agricoltura rigenerativa?

E non solo: anche Timberland e Patagonia puntano sempre più sul settore

Fatturato in calo 5,4%: il peso economico del cambiamento climatico

Ogni grado in più ci costa una fortuna, secondo il Politecnico

Come Nick Clegg è diventato il Ministro degli Esteri di Facebook

Questa settimana si è parlato tanto di Oversight Board, da qualcuno definita “la Corte Suprema di Facebook”. Le somiglianze tra il gigante...

Piantare alberi è solo l’inizio. Anche se sono 60 milioni

La Fondazione Alberitalia vuole riempire il Paese di verde, e ha un piano

Trump vuole tornare online, i social preferiscono di no

Facebook conferma il bando mentre Trump si fa un Twitter personale