L’honesty test impazza su TikTok: premio (con polemica) a chi è buono

I video su TikTok in cui le persone vengono premiate perché “brave” totalizzano milioni di visualizzazioni, ma mostrano una visione distorta della gentilezza

Uno degli hashtag di tendenza su TikTok è #honestytest: ha 51,5 milioni di visualizzazioni sulla piattaforma. I video mostrano test di vario tipo per provare l’onestà e la generosità degli inconsapevoli protagonisti. Per esempio, alcuni creator lanciano pacchi di denaro davanti alle persone come forma di “esperimento sociale”, filmandoli per vedere se intascheranno i soldi. Le persone oneste vengono premiate, quelle disoneste smascherate.

Come funziona l’honesty test su TikTok

Tra i video più gettonati, ci sono quelli di Zachery Dereniowski, seguito da 9,3 milioni di follower come @mdmotivator. Come quello in cui si avvicina a un senzatetto e gli chiede un dollaro. “Mi dispiace disturbarla“, dice, spiegando che ha bisogno di soldi per prendere un treno per tornare a casa. Il senzatetto infila una mano nel calzino ed estrae una banconota da dieci dollari. Poi, rimane a bocca aperta: l’influencer gli svela che, in realtà, non gli serve affatto un dollaro gli regala 500 dollari in contanti come “premio” per la generosità l’altruismo.

Sul suo canale, Dereniowski si avvicina regolarmente a estranei, finge di aver bisogno e chiede loro una piccola somma. Se le persone sono gentili e disposte ad aiutarlo, restituisce loro i soldi e li premia con centinaia di dollari finanziati in crowdfunding dai suoi seguaci. Dereniowski condivide queste clip, complete di colonna sonora sdolcinata, con milioni di persone che le trovano commoventi e motivanti. Lui non vuole smascherare gli egoisti, ma si concentra principalmente sulle persone che lo aiutano e di conseguenza vengono ricompensate.

@mdmotivator “Color means nothing” — 🥺❤️ (GoFundMe Live) #homeless #newyork #kindness #money #rent #bus #strangers #quarter #harlem #fyp ♬ original sound – Zachery Dereniowski


Altri creatori hanno avuto successo con clip simili, come @steven_schapiro. Intanto ci si interroga sull’opportunità di diffondere video di questo tipo. Per molti può essere difficile vedere lo svantaggio di gratificare gli estranei per la loro generosità, invece questi video sollevano dubbi sulla natura delle moderne donazioni di beneficenza.

Come Michael Kraus, docente di Yale, psicologo specializzato nello studio della disuguaglianza, interpellato da Wired. “Questi video mi sembrano profondamente disumanizzanti. Le persone acconsentono a essere utilizzate in questo modo? Per quella somma di denaro possono acconsentire? Se avessero detto di no, sarebbero meno meritevoli di compassione? Penso che le risposte a queste domande siano preoccupanti”. Karus ha concluso – riporta Wired –  lasciando una serie di interrogativi: “Mi sembrano profondamente disumanizzanti.

Le persone nei video acconsentono a essere usate in questo modo? Per quella somma di denaro possono acconsentire? Se avessero detto di no, sarebbero forse meno meritevoli di compassione? Credo che le risposte a queste domande siano preoccupanti“.

Honesty test: il dibattito

D’altra parte, altri accademici sottolineano che questi video potrebbero avere un effetto positivo sullo spettatore. Pat Barclay, psicologa evoluzionista dell’Università di Guelph, studia “l’altruismo competitivo” e i modi in cui può essere sfruttato per promuovere la generosità.

TikTok come quello di Dereniowski – sostiene – possono mostrare ai bambini che “aiutare gli altri conviene” e incoraggiare gli spettatori a donare a estranei bisognosi. “Se vediamo qualcuno essere d’aiuto e poi questo gesto ci viene anche riconosciuto, allora è più probabile che avremo voglia di farlo anche noi“, dice. “Questi video elevano lo standard di ciò che ci si aspetta da noi: non possiamo semplicemente sederci e fare i burberi egoisti, mentre se gli altri sono così disponibili, sembriamo avari al confronto“.

@mdmotivator I asked this 69 year old homeless man for money, then THIS happened (GoFundMe Live) #homeless #kindness #money #stranger ♬ original sound – Zachery Dereniowski