Hai un vecchio motorino? Ecco come farlo diventare elettrico

Riconvertire gli scooter in elettrico? Si può: ecco il brevetto per la mobilità sostenibile ideato dalla startup 100% italiana Talet-e

Siete proprio sicuri che quello scooter in garage ormai da tempo non abbia più un futuro? Vi sbagliate. Potreste dargli nuova vita, trasformandolo in elettrico. Parola di Talet-e, start-up 100% italiana che ha ideato un brevetto per la mobilità sostenibile, applicabile sin da subito per la conversione del parco circolante dei ciclomotori a combustione fossile. 

Come velocizzare la transizione all’elettrico

Talet-e, che ha completato il suo ‘seed round’ di finanziamenti ad aprile e presenterà il primo prototipo in autunno, parte da un approccio di economia circolare e punta a velocizzare la transizione all’elettrico, promuovendo una mobilità urbana molto smart, più efficiente, ecologica e sostenibile.

Come? Attraverso una piattaforma elettrica universale, che sarà lanciata nel 2023: uno standard universale, pratico ed economico, pronto per essere integrato in retrofit su tutti i principali modelli di scooter.

In Italia 7 scooter su 10 hanno più di dieci anni

Un progetto che arriva in soccorso di una transizione sempre più urgente. Basta qualche numero a testimoniarlo. Il 72% degli scooter in Italia ha più di 10 anni, con il 43% dei veicoli Euro 0 o Euro 1: il ricambio è lento e “termico”, anche a causa della scarsa attrattività e convenienza del settore e-scooter.

Solo a Roma circolano 500mila scooter, un parco veicoli considerevole che inquina perché generalmente molto vecchio. Le due ruote producono 73 gr di CO2 per km/passeggero. Stimando a 10.000 km la percorrenza media dei 500mila scooter romani, per 73 gr di CO2 emessi al km, ecco che nella sola Capitale gli scooter emettono 375.000 tonnellate di CO2.

Da qui nasce l’idea di Talet-e, guidata dal Ceo Sertac Yeltekin, insieme agli altri componente del team: Paolo Gagliardo (operations advisor); Claudio Cesario (finance asvisor); Michelangelo Liguori (r&d Pd & Technical advisor; Pierluigi Vinciguerra (commercial direcotor); Antonello Corrado (legal affairs advisors) e Marco Dau (governance advisor).

L’azienda offre 4 proposte di servizio, 2 per clienti privati e 2 per aziende, enti e istituzioni, offrendo soluzioni a zero-emissioni che puntano a risolvere i grandi problemi della mobilità urbana e locale, come ingorghi o inquinamento, con soluzioni economiche, smart e flessibili, a portata del cittadino. 

 

Il fenomeno del Retro-Fitting, ovvero l’elettrificazione di un modello vintage: le idee dal web