Future Chi ha perso soldi con Clubhouse?

Chi ha perso soldi con Clubhouse?

Ve la ricordate Clubhouse? Sì, forse è già il caso di parlarne al passato, anche se l’app esiste ancora. Lanciato a marzo del 2020, il servizio permette di creare delle stanze (“room”) in cui ospitare discussioni su temi a piacere, moderando il dibattito e invitando gli ospiti. Un sistema esclusivamente audio che ha permesso a tante persone di riunirsi, discutere e scambiarsi opinioni nei mesi più difficili della pandemia.

Il boom pandemico di Clubhouse

Insomma, un’app che ha beneficiato dell’isolamento sociale e dei lockdown, crescendo dal mezzo milione di utenti del novembre 2020 ai 9,8 milioni dello scorso febbraio. In pochi mesi, lo ricorderete, Clubhouse divenne l’app del momento, attirando artisti, attori, imprenditori e persone comuni. Il tutto, sia chiaro, rimanendo disponibile solo su iOS, quindi per utenti Apple.

La versione Android, infatti, è uscita solo lo scorso aprile: troppo tardi, secondo alcuni, anche se il fondatore dell’app Paul Davison si dice fiero di aver sposato “un approccio misurato alla crescita”. Da allora la crescita del servizio si registra perlopiù sul circuito Android, anche se i numeri sono molto più bassi di quelli di pochi mesi fa. Club ha avuto “appena” 900 mila nuovi iscritti lo scorso aprile, per dire.

Da 0 a 4 miliardi di dollari di valore

Il boom di Clubhouse si è accompagnato a un aumento folle del suo valore. Nel maggio 2020 era un servizio su invito disponibile solo a 1500 persone ma veniva già valutata 100 milioni di dollari dal noto fondo a16z (Andreessen Horowitz). A gennaio 2021 il suo valore era salito a un miliardo di dollari. Ad aprile dello stesso anno, un nuovo round di investimenti lo fece schizzare a 4 miliardi di dollari. Josh Felser, investitore tecnologico e uno dei primissimi utenti dell’app, lo aveva detto fin da subito: “O è finita entro luglio oppure è qualcosa di grosso”.

Il futuro di Clubhouse, tra Facebook e Twitter

La verità sembra essere nel mezzo, come sempre. Clubhouse vale davvero 4 miliardi di dollari? Pare proprio di no – ma non temete, a16z è un fondo abbastanza grande da sopravvivere al suo investimento azzardato. Non è solo il post-pandemia a giocare contro l’app, permettendo a tutti di noi di uscire di casa con sicurezza e serenità. C’entra anche la competizione, che nel frattempo ha già realizzato dei “cloni” del servizio: è quello che ha fatto Twitter con “Spaces” e quello che sta architettando Facebook.

L’idea di Clubhouse rimane utile – almeno a qualcuno, in certi casi – ma è facilmente implementabile in una struttura più grande. È forse questo il principale problema dell’app: chissà se fra un anno saremo ancora qui a parlarne – e quanto varrà.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Inter, Romelu Lukaku al Chelsea? Ecco quanto vale la sua vendita

I conti reali dietro alla cessione da parte dell'Inter di Romelu Lukaku al Chelsea e sulle necessità di fare cassa

Vanessa Ferrari, quale futuro? La ginnasta in bilico tra Parigi 2024 e il ritiro

Il futuro Vanessa Ferrari è ancora in bilico ed incerto. Dopo la medaglia d'argento nel corpo libero alle Olimpiadi di Tokyo ci sarà un tempo di riflessione per l'atleta azzurra.

Romelu Lukaku via dall’Inter (direzione Chelsea)? La strada ormai è tracciata

I giorni in neroazzurro di Romelo Lukaku paiono agli sgoccioli: il cartellino del calciatore vale parecchio, e l'Inter punta a incassare

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Viaggio nella cittadina del Texas colonizzata da SpaceX

Come Elon Musk ti conquista un paesino texano

Macchine di Google, ecco la città virtuale dove imparano a guidare

Le macchine che si guidano da sole sono realtà. Più o meno. Da Google a Tesla, molte aziende stanno investendo nel settore...

Commercio internazionale, ora mancano anche i pallet

Come il prezzo dei pallet sta mettendo in crisi il commercio globale. Proprio mentre l'economia cerca di ripartire.