Economy Confcommercio lancia l'allarme: sono scomparsi 77mila negozi in tutta Italia

Confcommercio lancia l’allarme: sono scomparsi 77mila negozi in tutta Italia

Un processo di desertificazione iniziato ben prima del Covid, già negli anni successivi alla crisi del 2008. Lo si respira un po’ meno nei centri delle grandi città ma nei paesi di piccole o medie dimensioni è inevitabile notarlo: i negozi sono spariti. Un panorama urbano cambiato in un decennio appena, nel corso del quale le insegne “Affittasi” sono diventate un triste corredo urbano.

Il più recente grido d’allarme viene da Confcommercio, che parla della scomparsa di 77 mila attività di commercio al dettaglio (-14%) e quasi 14 mila imprese ambulanti (-14,8%) tra il 2012 e il 2020. Il documento (qui il Pdf). Numeri che, per una volta, sembrano non presentare grandi differenze tra nord e sud del Paese, dimostrando quanto il fenomeno sia endemico e preoccupante per i centri storici, il cuore della socialità e dell’economia nazionale.

Un trend che non è figlio della pandemia ma che è stato acuito gravemente dal Covid e dai lockdown, che ha colpito anche i pochi settori che avevano registrato risultati positivi, come l’alloggio e la ristorazione (-24,9%).

“Il rischio di non riavere i nostri centri storici come li abbiamo visti e vissuti prima della pandemia è, dunque, molto concreto e questo significa minore qualità della vita dei residenti e minore appeal turistico”, spiega l’Associazione. Il centro si svuota, ma le attività che disertano dove vanno? In alcuni casi, verso i mall e i centri commerciali fuori città, che contribuiscono – insieme a fattori culturali ed economici – a remare contro le nostre piazze.

“Il futuro – conclude Confcommercio – è molto incerto. Ma occorre reagire per dare una prospettiva diversa alle nostre città che rappresentano un patrimonio da preservare e valorizzare”. Come? “Le direttrici sono tre: un progetto di rigenerazione urbana, l’innovazione delle piccole superfici di vendita e una giusta ed equa web tax per ripristinare parità di regole di mercato tra tutte le imprese”.

(Foto: Envato)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Hotelturist (Th Resorts): società, azionisti, management

Conoscere nuovi posti e assaporare prelibatezze culinarie, tutto da vivere in luoghi magici e soprattutto accoglienti. Hotelturist, società operante nel settore alberghiero,...

Valvitalia, la società italiana di valvole che compete con le multinazionali straniere

Attiva nel settore delle valvole, Valvitalia è la società italiana che fa concorrenza alle grandi aziende americane

Rocco Forte Hotels, hotellerie di lusso: un affare di famiglia

Dodici alberghi cinque stelle lusso sparsi nel mondo e oltre 200 milioni di sterline di fatturato l’anno. Rocco Forte Hotels è un gigante dell’hotellerie...

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tuti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura