Russia-Ucraina, la posizione della Cina nella guerra e nelle trattative

Russia Ucraina, la Cina prende una posizione e manda un forte segnale a Putini e all'Occidente attraverso il suo ministro.

Russia Ucraina, la Cina prende una posizione nel conflitto e si aspetta che attraverso i negoziati si possa arrivare a una soluzione ed evitare che la guerra possa amplificarsi.

Russia-Ucraina, la posizione della Cina

La Cina prende posizione e lo fa con il suo ministro degli esteri Wang Yi che ha detto il ministro, deplora lo scoppio del conflitto tra Ucraina e Russia ed è estremamente preoccupata per i danni ai civili”.

La posizione di Pechino “è aperta, trasparente e coerente. Abbiamo sempre sostenuto il rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale di tutti i Paesi. In risposta all’attuale crisi, la Cina invita Ucraina e Russia a trovare una soluzione al problema attraverso i negoziati e sostiene tutti gli sforzi internazionali costruttivi che portino a una soluzione politica”.

La Cina è contraria al conflitto

Dunque, la Cina è contro il conflitto che è nato in Ucraina e lo ribadisce con chiarezza attraverso il ministro Wang: “A causa della continua espansione dei combattimenti, la massima priorità per la Cina è di alleviare il più possibile la situazione sul campo per evitare che il conflitto si intensifichi, o addirittura sfugga al controllo, soprattutto per prevenire danni ai civili, le crisi umanitarie, e per garantire un accesso sicuro e tempestivo agli aiuti umanitari”.

Wang ha voluto poi chiarire la sua posizione sulla richiesta di garantire la sicurezza dei cittadini cinesi residenti nel paese, chiedendo all’Ucraina “di assumersi le corrispondenti responsabilità internazionali”. Il governo di Pechino dà “grande importanza alla sicurezza dei suoi connazionali e si preoccupa sempre della loro sicurezza: i cittadini cinesi in Ucraina sono tutti inviati dell’amicizia tra Cina e Ucraina e amici del popolo ucraino”.  

LEGGI ANCHE: Ucraina, cosa è successo nella notte: la guerra continua