Rosaria Costa ed Emanuele Schifani, chi sono oggi moglie e figlio di Vito Schifani

Vediamo chi sono oggi moglie e figlio di Vito Schifani, ucciso nella strage di Capaci assieme al giudice Falcone e sua moglie?

A trent’anni dalla Strage di Capaci, la Rai manderà in onda un documentario dove saranno intervistati anche i figli e parenti delle vittime della strage di Capaci. Vediamo chi sono oggi moglie e figlio di Vito Schifani.

Emanuele Schifani, chi è il figlio di Vito Schifani

Emanuele Schifani è il figlio di Vito Schifani, uno dei tre agenti di scorta morti il 23 maggio 1992 insieme con il giudice Giovanni Falcone e la moglie Francesco Morvillo.

Oggi il giovane è all’interno della guardia di finanza e in una intervista esclusiva all’Adnkronos si era raccontato. “L’odio è un sentimento di avversione, per cui si desidera il male dell’altro – ha affermato dopo aver visto e rivisto le immagini della strage di Capaci – Io non voglio il male di nessuno, anzi cerco di aiutare tutti. Mi concentro sul quotidiano con una speranza per il futuro. L’odio è un sentimento che consuma e rende ottusi, distogliendo l’attenzione dalle cose importanti della nostra vita.

La rabbia, al contrario, è un’emozione, uno stato mentale che può evolversi e rendere più efficaci le reazioni dell’uomo ai fini della sua sopravvivenza”. Nella stessa intervista, aveva poi affermato che “le mafie sono un cancro per la società e un impedimento allo sviluppo economico perché creano corruzione e complicità. Dobbiamo rispondere con la cultura dei giovani: dell’educazione e della legalità, ma anche con la forza delle Istituzioni che non cedono di un millimetro”.

Chi è Rosaria Costa, moglie di Vito Schifani

Rosaria Costa è la moglie di Vito Schifani, ucciso assieme al giudice Giovanni Falcone nella strage di Capaci. A soli 22 anni è rimasta vedova con un bambino da crescere, Emanuele, e oggi con orgoglio vede il figlio all’interno della guardia di Finanza. È diventata particolarmente nota all’Italia intera per le parole dette al funerale del marito dopo la strage di Capaci di trent’anni fa.

“Io vi perdono, ma vi dovete mettere in ginocchio”. Parole che sono diventate simbolo del dolore di quella tragica strage. Oggi Rosaria Costa si è rifatta una vita al Nord, in Liguria, dove ha anche cresciuto il figlio.