Live

G20 a Matera, chi è l’uomo a torso nudo che ha guardato i potenti dall’alto in basso

G20 a Matera, ecco chi è l'uomo affacciato sul balcone. Si tratta di Nicola Frangione, ex professore di inglese

Il G20 ospitato tra i Sassi di Matera è stata un’assoluta novità per il Sud Italia. Ma ancora di più ha stupito vedere sul balcone di casa sua, nei giorni del prestigioso G20, un uomo a torso nudo in pantaloncini e ciabatte che osservava i potenti del mondo. Un uomo che, incuriosito dal grande evento che si teneva in città, non ha avuto paura di mostrarsi in tenuta casalinga.

Certo, probabilmente nemmeno lui avrebbe mai pensato, per un’azione così semplice e banale, di finire su tutte le pagine dei giornali italiani e stranieri. E invece nel giro di poche ore la foto che lo ritrae sul balcone gira sui social alla velocità della luce. Sui social spopolano commenti come “sei un mito”, o sei un personaggio “da ammirare”. In poche parole: un “divo”. Risultato? L’uomo “misterioso” di Matera” diventa un eroe social, star del web per un giorno.

Chi è Nicola Frangione, l’uomo affacciato sul balcone

Chi è l’uomo che si è affacciato ad osservare i potenti se lo sono chiesto in tantissimi. Oggi la risposta: si tratta di Nicola Frangione, ex professore di inglese all’Istituto per geometri. Un uomo che abita nella meravigliosa Matera fin dalla fine degli anni ottanta. Al Corriere della Sera, che è riuscito a intercettarlo, Frangione ha confessato di non si aspettava tutto questo audience. “Non avevo alcun obiettivo particolare – confessa Frangione al Corriere della Sera in merito alla sua azione diventata virale in pochissimo tempo – stavo semplicemente leggendo un libro davanti a casa, come faccio spesso. Un buon modo anche per abbronzarmi. A un certo punto ho sentito avvicinarsi un complesso musicale e, immaginando che stesse arrivando la delegazione del G20, mi sono affacciato incuriosito così com’ero: senza maglietta”. Insomma, uno spaccato di vita normale che si è imposto davanti ai potenti con una nitidezza e schiettezza tutta italiana. E che i potenti della terra, molto probabilmente, si porteranno come ricordo dopo la permanenza nella città dei Sassi.