Live

Le canzoni “vietate ai minori” che i bambini cantano a scuola

Le canzoni "vietate ai bambini" sono cantate ingenuamente ed intanto questi brani con riferimenti sessuali scalano le classifiche

Le canzoni “vietate ai minori” sono cantate dai bambini a scuola: non è un paradosso ma è la realtà dei fatti. Nella top ten dei singoli musicali più venduti ed ascoltati degli ultimi sei mesi del 2021, ci sono canzoni i cui testi hanno riferimenti sessuali. Gli autori e gli interpetri di queste canzoni sono seguitissimi ed ascoltati dai bambini.

I cantanti, in particolare gli artisti più giovani, devono avere la consapevolezza della responsabilità e dell’influenza che la musica ha sui più piccoli. La musica dovrebbe essere anche educativa e non solo grida volgari per acchiappare click e like.

Alcune di queste canzoni “vietate ai bambini”, con espliciti riferimenti sessuali e con argomenti da adulti, sono cantate dai piccoli tra i banchi di scuola e sono diventate hit dell’estate 2021.

Le canzoni “vietate ai minori”: primo Blanco con Mi fai impazzire

Blanco è il più giovane artista italiano (18 anni) ad essersi posizionato per 14 settimane al primo posto della classifica Fimi/GfK dei singoli più venduti. Nell’estate 2021 ha lanciato un vero e proprio tormentone estivo insieme a Sfera Ebbasta: si tratta di Tu mi fai Impazzire che viene ripreso in continuazione per mesi nelle radio.

Blanco ha un importante seguito di giovanissimi su TikTok di conseguenza le sue canzoni sono molto più ascoltate da adolescenti ma anche da bambini che cantano le sue canzoni.

Nel testo di Mi fai impazzire Blanco canta:

“Sola col tanga, te lo strapperei via/E mi fai impazzire, mi fai impazzire/E mi fai impazzire, mi fai impazzire
Ho i tuoi baci sul collo, sono come ferite/Ti appoggi sulla porta, zitta e seminuda/Giochi un gioco sporco”

Parole forti e a limite soprattutto se ascoltate dai bambini: violenza sessuale, sottomissione, il rapporto spiegato come un gioco erotico. Una sequenza di frasi volgari chiare e fin troppo esplicite.

Le canzoni “vietate ai minori”: segue Sangiovanni con Lady

Sangiovanni, nome d’arte di Giovanni Damian, è un altro giovanissimo cantante, anche lui classe 2003, che ha partecipato all’edizione Amici 20 di Maria De Filippi.

Il programma di Amici è seguito da un pubblico giovanissimo. Nella sua canzone Lady, il riferimento sessuale è a una coppia giovane con una richiesta esplicita:

“Ho una proposta sexy da farti, cresciamo insieme/Dammi il tuo cuore, baby/Farò di te una donna
Baciami sulla bocca con il rossetto rosa/Per la tua prima volta
Siamo la coppia perfetta/Cupido la lanci ‘sta freccia? /Che sono qui che ti aspetto”

C’è anche il rapper Ernia con Ferma a guardare

Ernia, pseudonimo di Matteo Professione, classe 1993, è un rapper italiano.

Nel 2011 Ernia su Panorama dichiarava: «Quando siamo usciti con la prima trap, brani molto effimeri e leggeri, siamo stati massacrati. Tutti erano ancora troppo impegnati a darsi un tono che non avevano, tanti hanno iniziato a fare i prof. Tempo quattro anni e hanno iniziato tutti a fare trap».

Ernia con la canzone Ferma a guardare si è dato un tono preciso ma anche discutibile, sicuramente sessualmente esplicito

“Sotto il tuo portone tu m’hai chiesto se ci sto/ A salire ed era solo il primo appuntamento
Poi lo facevamo forte, in piedi sulle porte/ Dici: “Non ti fermare” (eh, eh, eh, eh)”

Le canzoni “vietate ai minori”: al decimo posto Fred De Palma con Ti raggiungerò

Fred De Palma, pseudonimo di Federico Palana, è classe 1989.

La sua canzone Ti raggiungerò è utilizzata come jingle per la pubblicità di WindTre. Il brano è sicuramente il più leggero e meno volgare dei precedenti. C’è tuttavia un pizzico di ambiguità nella frase “Non dirmi che con me non ci verresti mai”.

Un riferimento poco esplicito ma la canzone resta accessibile a tutti soprattutto essendo mandata in onda in spot pubblicitari.

“Ti raggiungerò/ Resti in zona questa sera? Cosa fai?
Impazzirò, impazzirai/ Non dirmi che con me non ci verresti mai”