Ex sindaco sgozzato a Lodi: cosa è successo a Pierangelo Repanati

Cosa è successo a Pierangelo Repanati, ex sindaco sgozzato nel suo giardino in provincia di Lodi: "Un azione efferata che colpisce tutti noi"

Ex sindaco sgozzato in provincia di Lodi, cosa è successo a Pierangelo Repanati? Il giornalista 57enne è stato trovato morto a Corte Palasio nel giardino di casa sua. Secondo gli inquirenti l’ex sindaco è stato colpito da due fendenti alla gola.

Morto Pierangelo Repanati, l’ex sindaco trovato sgozzato in provincia di Lodi

Una morte improvvisa ha colpito Corte Palasio, piccolo comune in provincia di Lodi. Pierangelo Repanati è stato trovato morto nel giardino di casa sua. Pierangelo Repanati era un giornalista lombardo, noto anche per aver ricoperto la posizione di sindaco di Corte Palasio dal 2004 al 2009.

Chi lo conosceva lo descrive come un “giornalista col pallino della verità”. L’ex primo cittadino di Corte Palasio è stato ucciso con due fendenti di coltello alla gola. Secondo le ricostruzioni degli inquirenti potrebbe essersi trattato di alcuni ladri colti in flagrante dall’uomo mentre stava innaffiando il giardino. A dare l’allarme sono i vicini di casa, che segnalano alle autorità di aver sentito le grida d’aiuto di Repanati.

Alcuni di loro sono poi accorsi in suo soccorso e hanno trovato il corpo senza vita dell’ex sindaco.

L’attuale sindaco di Corte Palasio: “Azione efferata che ci colpisce tutti. Pierangelo era sensibile e attento”

Claudio Manara, attuale primo cittadino di Corte Palasio, ha commentato l’accaduto: “Per una comunità così piccola, questo è un fatto gravissimo. Un’azione efferata che colpisce tutti noi. Apprenderemo poi l’esatta dinamica di quanto avvenuto ma intanto, abbiamo la certezza che una persona ha perso la vita con dinamiche molto violente.

I malviventi, comunque, potrebbero essere stati ripresi dalle telecamere agli ingressi del nostro paese. Non è scontato, perchè potrebbero anche essere passati dai campi, ma è probabile. Pierangelo era una persona sensibile, attenta ai bisogni della comunità“.