Elezioni, Rita Dalla Chiesa si candida con Forza Italia in Puglia: arrivano insulti per la conduttrice

Rita Dalla Chiesa si candida alle prossime elezioni del 25 settembre. Manca ancora l'annuncio ufficiale ma sui social ci sono diversi indizi.

Rita Dalla Chiesa sarà candidata alle prossime elezioni politiche del 25 settembre con Forza Italia. L’annuncio ufficiale non è ancora arrivato ma la conduttrice ha iniziato a ringraziare sui social gli utenti che le hanno augurato “in bocca a lupo”. Allo stesso tempo ci sono  quelli che hanno iniziato ad insultarla.

Elezioni, Rita Dalla Chiesa si candida con Forza Italia in Puglia

Rita Dalla Chiesa, figlia del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa ucciso dalla mafia a Palermo nel 1982, è candidata alle prossime elezioni del 25 settembre.

L’ex conduttrice di Forum correrà tre le file del partito di Forza Italia in Puglia, dove avrà un collegio uninominale blindato, e anche come capolista in Liguria, al proporzionale.

La stessa conduttrice ha iniziato a ringraziare gli utenti che su Twitter le hanno già fatto gli auguri e gli “in bocca al lupo” per questa sua nuova avventura, dando di fatto la notizia per certa. Il prossimo 25 settembre.

Tutta, deve ancora arrivare l’annuncio ufficiale ma nel frattempo non è arrivata nessuna smentita.

Arrivano insulti per la conduttrice

Dopo la decisione e l’annuncio della sua candidatura, la conduttrice è stata riempita di insulti sui social. “Candidata in Puglia con Forza Italia, criticare h24 la Raggi ha dato i suoi frutti. Ma poi dico, proprio con Forza Italia”, scrive un utente. “Forza Italia, il Generale si sta rivoltando nella tomba”.

E ancora: “Hai venduto l’anima al diavolo”. Ma gli attacchi, scorrendo i commenti si fanno sempre più duri: “Vergognati, ma vergognati veramente. Abbi pietà del cognome che porti, non ti basta avre vissuto di rendita solo per quel cognome?”. E ancora: “A quanto pare sproloquiare su twitter come fa Rita Dalla Chiesa paga…”.

 

LEGGI ANCHE: Elezioni, Catello Maresca non si candida: “No grazie, resto magistrato”