Live

Bonus Terme 2021: come richiederlo, ci sarà il Clickday?

Come funziona il Bonus Terme e come richiederlo? Si avvicina il click day per aggiudicarsi i 250 mila voucher disponibili: sconti del 100%.

Pronti, via: il Bonus Terme 2021 è stato da tempo ufficializzato e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale con il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, con il quale vengono stanziati 53 milioni di euro. In tutto saranno circa 250 mila i voucher messi a disposizione dei cittadini per usufruire dei servizi termali. Ma come funziona il Bonus Terme e come richiederlo?

Dal 28 ottobre è online la piattaforma per consentire la registrazione degli stabilimenti termali che aderiranno al bonus terme. I cittadini, invece, potranno richiedere il contributo per i servizi termali a partire dall’8 novembre.

LEGGI ANCHE: Bonus Terme, elenco strutture accreditate regione per regione

Cos’è il Bonus Terme: come richiederlo

Il Bonus Terme è uno sconto di cui possono usufruire i cittadini per acquistare dei servizi presso i centri termali. Il governo stanzierà 53 milioni di euro per coprire tutti i voucher che saranno staccati dopo l’8 novembre, con lo scopo di favorire la ripresa economica dei centri termali, che a causa dell’emergenza epidemiologica hanno sofferto una crisi terribile. Il Bonus terme rientra nel decreto Agosto.

Bonus Terme 2021: come funziona

Ecco come funziona il bonus terme e come richiederlo. Il Bonus terme si rivolge a tutti i cittadini maggiorenni residenti in Italia, senza limiti di ISEE e senza requisiti specifici legati al nucleo familiare. Ogni cittadino può usufruire di un solo bonus, che consiste in uno sconto del 100% sul prezzo d’acquisto dei servizi termali prescelti, fino a un massimo di 200 euro. La parte che supera l’importo indicato sarà del tutto a carico del cittadino.

Come si legge all’articolo 6 del decreto di attuazione “Ai fini dell’ammissibilità al beneficio, i servizi termali non devono essere già a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Né di altri enti pubblici ovvero oggetto di ulteriori benefici riconosciuti all’utente, fatte salve le eventuali detrazioni previste dalla vigente normativa fiscale sul costo del servizio termale eventualmente non coperto dal buono”.

Come richiedere il voucher dall’8 novembre

Dalle ore 12 del 28 ottobre 2021 è disponibile online la piattaforma gestita da Invitalia (*)  per consentire la registrazione degli stabilimenti termali che vogliono aderire al Bonus Terme.

Bonus Terme 2021: quando il Click Day?

A differenza di altri bonus, non ci sarà un vero e proprio Click day. I cittadini possono richiedere il contributo direttamente agli istituti termali prenotando i servizi a partire dall’8 novembre 2021. Non appena il servizio sarà attivo, gli utenti che vorranno aggiudicarsi il bonus dovranno chiamare e prenotare (qualche centro ha già attivato un servizio di pre-prenotazione). Man mano che i centri termali riceveranno le richieste, invieranno i nominativi a Invitalia. Una volta ricevuto l’ok, i cittadini riceveranno il bonsu prenotazione che potranno utilizzare entro 60 giorni. 

Il Bonus Terme, come già sopra spiegato, consiste in uno sconto del 100% sul prezzo d’acquisto dei servizi termali prescelti, fino a un massimo di 200 euro, che potrà essere richiesto dai cittadini rivolgendosi direttamente agli stabilimenti termali che si saranno nel frattempo accreditati sulla piattaforma.

Ciascun cittadino maggiorenne potrà usufruire di un solo bonus, senza limiti di ISEE e senza limiti legati al nucleo familiare.

Dopo l’invio delle richieste, sarà rilasciato un documento relativo alla prenotazione effettuata, che l’ente potrà inviare tramite email o stampare e consegnare al cliente. Ci saranno 60 giorni di tempo per usufruire del servizio, pena la decadenza.

Dopo l’emissione della fattura, per il centro sarà possibile richiedere il rimborso del buono fruito dall’utente. E Invitalia avrà un mese di tempo per erogare il rimborso che verrà pagato sul conto corrente dell’ente.

(*) Invitalia (Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A.) è  partecipata al 100% dal Ministero dell’economia e delle finanze.