L’Unione Europea pensa di addestrare l’esercito ucraino

Il coinvolgimento dell'Unione Europea in Ucraina potrebbe rafforzarsi a breve tramite un addestramento dell'esercito ucraino

Per combattere contro la Russia è bene addestrare l’esercito ucraino? L’Unione Europea ci pensa. È questa una delle ultime novità che arriva da Bruxelles.

L’Unione Europea pensa di addestrare l’esercito ucraino

Il coinvolgimento dell’Unione Europea in Ucraina potrebbe rafforzarsi a breve tramite un addestramento dell’esercito ucraino. È questa l’ultima novità che filtra dai piani alti dell’Unione Europea, impegnata per sostenere l’Ucraina contro la Russia. I 27 Stati membri, infatti, stanno valutando di fornire addestramento militare ai soldati ucraini con il dispiegamento di missioni con i Paesi cooperanti.

Le dichiarazioni del capo della diplomazia europea

Il fatto che su quest’idea l’Unione Europea stia ragionando seriamente lo ha confermato anche il capo della diplomazia europeaJosep Borrell, il quale ha sottolineato come questa via sia la più ragionevole in una guerra che dura da tempo e che sembra essere destinata a durare ancora. Ecco perché è richiesto uno sforzo non solo in termini di forniture di attrezzature, ma anche in termini di formazione e aiuti per l’organizzazione dell’esercito”.

Sempre a tal proposito, Borrell ha ricordato che “i militari ucraini vengono già addestrati in Polonia, Repubblica Ceca, Regno Unito e Francia. Stiamo fornendo armi abbastanza sofisticate, ma è necessario addestramento per farle funzionare”, ha spiegato, sottolineando che la missione di sarà situata nel territorio di uno degli Stati membri che confinano con il Paese e non in Ucraina.

La proposta sarà discussa la prossima settimana a Praga durante il Consiglio dei ministri della Difesa.