Economy La pandemia e lo smart working hanno stravolto l'industria musicale (ma c'è...

La pandemia e lo smart working hanno stravolto l’industria musicale (ma c’è un vincitore)

Tra i settori più colpiti dalle conseguenze della pandemia c’è quello della musica. A causa della messa al bando di concerti e festival, certo, ma anche dei cambiamenti nelle abitudini di consumo collettivo. I primi mesi della pandemia sono stati pessimi persino per un gigante come Spotify, che nel marzo 2020 ha registrato un calo del 23% nell’ascolto delle 200 canzoni più popolari. Un trend che è stato invertito a fatica entro la fine dello scorso anno ma che potrebbe tornare a fare capolino ora che si riparla di nuove chiusure e lockdown.

Perché ci interessa? Perché l’improvvisa scomparsa del tragitto casa-lavoro, unito ai provvedimenti per il distanziamento sociale, è stato uno dei fattori più importanti nella flessione dell’utilizzo di Spotify e simili. Ci si sposta meno e si lavora di più da casa, dove si predilige un altro tipo di tappeto sonoro (come dimostra il successo della musica lo-fi o di rilassamento, su YouTube e Spotify); come se non bastasse, poi, si è spesso in collegamento con colleghi e soci su piattaforme come Zoom, tutti momenti in cui è escluso l’ascolto di musica. Attorno alle nuove uscite c’è quindi scarso interesse e le major discografiche piangono un annata orribile.

A uscire trionfante da questo sconvolgimento è però il settore dei podcast – su cui Spotify ha puntata dal 2018 –, che lo scorso agosto risultava raddoppiato rispetto l’anno precedente. Con tutti i podcast che ci sono, anche in italiano, è inevitabile trovare quello giusto per sé, con cui passare un’oretta in compagnia, o avere l’illusione di farlo. Oggi, secondo i dati di Spotify, il 21% degli utenti usa il servizio per ascoltare questo tipo di prodotto, generando un’inaspettata concorrenza interna per il mondo della musica, già alle prese con una crisi di sistema. Mondo della musica che, a questo punto, si ritrova costretto a sperare in un aiuto divino – o almeno nel prossimo Sanremo.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Forza Italia a Milano, ecco la lista dei candidati: dentro Vedani e Bestetti. Santa Maria all’Urbanistica in caso di vittoria. Rumors

Milano, ecco la lista dei candidati di Forza Italia. E c'è attesa per il nome del candidato sindaco del centrodestra

Verona, il sindaco Federico Sboarina dalla Lega a Fratelli d’Italia. Tensioni nel Carroccio

Dopo l'addio del sindaco di Verona Federico Sboarina, direzione Giorgia Meloni, nella Lega salgono le tensioni. Si attende il nome per Milano

Dopo la terza ondata Covid le nostre città sono sicure? Nuova puntata di “The True Show” – VIDEO

Dopo la terza ondata Covid si riparte. Ma ci sono stati anche molti casi di violenza. Le nostre città sono sicure? Guarda “The True Show”

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Festival dell’Economia di Trento, Tito Boeri “sacrifica” gli economisti e l’evento diventa un flop

Il primo Festival dell'Economia di Trento post-Covid è un flop con poche riflessioni di sostanza. Pochi gli economisti, tanti i giornalisti

Recovery Plan, quali parole ricorrono nel documento? Vincono “Resilienza” e “digitale”, bye bye per “stipendio” e “abitare”

Le parole più citate nel documento del Recovery Plan? "Resilienza" e "digitale". Maglia nera per "stipendio" e "abitare"

Varie ed eventuali sull’evoluzione dell’economia

da Webuild a Flavio Briatore passando per la cybersicurezza: notizie in pillole sull'evoluzione dell'economia

Il G7 2021 in Cornovaglia partorisce la “global minimum tax”: ecco le basi per l’accordo

Tassa minima del 15%, applicata Paese per Paese, non più vincolata al domicilio fiscale di una multinazionale. Se ne è parlato al G7 2021

La tassa patrimoniale è una misura poco italiana: in 100 anni applicata solo 6 volte

La tassa patrimoniale in Italia? Approvata solo in emergenza. Lo dimostra che in 100 anni è stata applicata soltanto sei volte. Ma da chi?