Economy Ingrassati e tristi: la fotografia di gruppo degli smart worker italiani

Ingrassati e tristi: la fotografia di gruppo degli smart worker italiani

Come stanno gli smart worker? Male. Lo rivela una nuova indagine sui milioni di lavoratori che dal febbraio del 2020 hanno sperimentato il lavoro a distanza. Secondo le statistiche, il 53% della forza lavoro ha sperimentato lo smart working, con il 40% che si è organizzato con un ufficio casalingo. Chi lo ha fatto, ha voluto ricreare l’ambiente d’ufficio a casa, certo, ma c’è anche chi si prepara a un futuro di lavoro “ibrido”.

Quel che viene rivelato dall’Osservatorio ARIIX sul benessere degli italiani è però la condizione psico-fisica degli italiani in queste condizioni. “Lavorare da casa per lunghi periodi, spiega il report, non sembra avere portato grandi benefici”. Anzi, “a livello generale ha contribuito al peggioramento del proprio aspetto e della propria forma, sia fisica sia mentale”, con le donne a subire le conseguenze peggiori.

Quasi la metà degli intervistati (48%) non si sente completamente in forma e accusa acciacchi e malesseri. Il 41% dichiara di essere sovrappeso o addirittura obeso, dimostrando quanto la chiusura delle palestre ma anche la diversa organizzazione delle giornate abbia avuto un impatto nella salute fisica. In molti hanno ovviamente reagito, o almeno hanno provato a farlo: quasi la metà degli intervistati (49%) si è detto più attento all’alimentazione. Mentre il 38% dichiara di aver usato più che in passato prodotti di bellezza, per la cura del corpo e i capelli. Quest’ultimo è forse anche dovuto all’effetto Zoom, ovvero l’esigenza di mostrarsi bene, per quanto solo digitalmente. Infine, quasi un terzo (31%) degli intervistati sostiene di aver puntato sull’attività fisica, fatta perlopiù a casa ma anche all’esterno.

“Se nei primi mesi gli aspetti positivi del lavoro agile superavano di gran lunga quelli negativi, adesso stiamo assistendo a una inversione di tendenza e iniziano ad affiorare alcuni timori”, ha commentato Icham Benallal, Area Director EMEA/CIS di ARIIX. “Tra gli aspetti che preoccupano maggiormente lo smart worker rientra il peggioramento dello stato del proprio aspetto fisico e cercano di reagire attraverso un’attività sportiva più intensa, una sana alimentazione e un maggiore utilizzo di prodotti per la cura della persona”.

Sono molti a non volersi lasciare andare, insomma. Nonostante le zone rosse e la work-life balance, la divisione tra lavoro e tempo libero, ormai sconvolta dalla pandemia. Non è difficile farlo, e questi dati dipingono un quadro preoccupante, di cui dovremo occuparci quando tutto sarà finito e dovremo occuparci dell’altra emergenza sanitaria, quella causata dai lockdown ai nostri corpi e alle nostre menti.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita

Nei CdA italiani le donne sono il 38%

In Italia 46 donne Ceo. Nel nel settore sanitario sono il 70% della forza lavoro ma solo il 25% in posizioni di leadership. Ma le leggi funzionano: Quando Lella Golfo ha presentato la legge nel 2011, c'erano solo 170 donne nei Consigli di Amministrazione italiani, contro più di 2.700 uomini, un livello del 6%. Oggi siamo al 38%