Economy Recovery Plan, che regali ai palazzinari degli studenti

Recovery Plan, che regali ai palazzinari degli studenti

Obiettivo? 100Mila posti letto entro il 2026. Contro i 40mila attuali. Eccolo il capitolo del Recovery Plan dedicato a creare “un’architettura innovativa ed originale” per l’edilizia universitaria. Con lo scopo di “incentivare la realizzazione, da parte dei soggetti privati, di nuove strutture di edilizia universitaria attraverso la copertura anticipata, da parte del MUR, degli oneri corrispondenti ai primi tre anni di gestione delle strutture stesse”. Significa che se lo studente fuorisede vuole andare a vivere in uno studentato privato, i primi tre anni li paga lo Stato. Nella speranza che l’universitario di turno rimanga in regola con gli esami, almeno per la laurea breve.

Tassazione? Come per l’edilizia sociale

Se non bastasse, il “supporto della sostenibilità degli investimenti privati” sarà garantito da un “regime di tassazione simile a quello applicato per l’edilizia sociale” che “però consenta l’utilizzo flessibile dei nuovi alloggi quando non necessari l’ospitalità studentesca”. Tradotto: gli affitti degli studenti universitari trattati a livello di tassazione come le case popolari pubbliche e quelle in housing sociale private. Primo punto. Ma a ben guardare anche gli affitti che non siano degli studenti universitari ma per esempio dei cosiddetti “city users” in gergo: manager che vengono una volta ogni tanto in città per fare affari; turisti; famiglie che si spostano per curarsi in un sistema che ritengono migliore. Che cosa si chiede in cambio a costruttori e immobiliaristi di studentati e simili? L’adeguamento “degli standard per gli alloggi, mitigando i requisiti di legge relativi allo spazio comune per studente disponibile negli edifici in cambio di camere (singole) meglio attrezzate”. Così recita il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Coima, Hines, The Student Hotel: affari d’oro

Chi ci guadagna? Di certo chi sta costruendo, o ha già costruito, residenze universitarie e che nell’anno della pandemia ha visto la fuga degli studenti dalle città, pur di fronte a un aumento in alcuni casi delle immatricolazioni da remoto, come nel caso del Politecnico di Milano. È quel segmento del mercato real estate – lo “student housing” – che attrae capitali da tutto il mondo perché offre garanzie di rendimento e solvibilità del “cliente”. Qualche nome? Coima di Manfredi Catella che ha in programma di realizzare sullo scalo ferroviario dismesso di Porta Romana il Villaggio degli Atleti per le Olimpiadi invernali del 2026 da convertire, guarda caso, in residenze universitarie una volta conclusa la manifestazione a cinque cerchi. O ancora: la multinazionale americana Hines guidata in Italia dal manager Mario Abbadessa che punta molto su gli “studentati dei vipin zona Bocconi a Milano. Oppure The Student Hotel, il colosso europeo di settore fondato da Charlie MacGregor che offre soluzioni di residenzialità per universitari, “giovani creativi”, “nomadi digitali”. Lo slogan? “Molto più di un semplice hotel”. I prezzi? Anche 800 euro a stanza per un mese di alloggio alla Bolognina nel capoluogo emiliano, a Firenze o nel quartiere San Lorenzo di Roma che aprirà nel 2023. Non male per un “regime di tassazione simile a quello applicato per l’edilizia sociale”. Come si dice? Paga Pantalone.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tutti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura